lunedì 7 luglio 2008

Pulled Up

Per dire.
La cosa che più mi colpisce delle teste parlanti è il modo in cui la loro musica fluisce negli anni senza perdere di attualità.
Fu grazie al mitico Massarini (ricordate "I Zimbra" come sigla o stacchetto di Mr. Fantasy?) che conobbi questo gruppo in piena esplosione new wave.
Fu grazie ad amici invece (mi ci trascinarono)(a me, metallaro doc) che assistetti al concerto di Bologna dove furono consacrati dopo il boom di Remain in Light.
Insomma verso i Talking Heads mi hanno sempre spinto gli altri, ma non smetterò mai di grondare gratitudine.
"Pulled Up" è del primo album, quello che molti ancora considerano un pò grezzo e che io invece continuo a venerare.
Perchè già lì è contenuto tutto il genio e, soprattutto, la contemporaneità, di Mr Byrne e dei suoi compagni.
Il dopo fu pieno di allargamenti di vedute, arrangiamenti, universi sonori.
Ma il nucleo pensante e pulsante c'era già.
E non si sarebbe mai più raffreddato.

Halleluja!

27 commenti:

liveon35mm.com ha detto...

OK OK Diamond, colgo la sottile minaccia...che qui c'e' chi conosce il mio indirizzo di casa... prima che me trovo Atomic sotto casa con il box completo prometto che mi andro' a ri-sentire "remain in light" e vediamo se sto giro vedo la luce...non la vedo facile ma sono uno testardo...

vale

Anonimo ha detto...

Remain in light non è proprio un album facile facile per incominciare con i Talking H.

Ciao
The Spirit

Anonimo ha detto...

Non si discute dei gusti altrui.

A me non sono mai piaciuti...


Anonimaqui

liar ha detto...

Forse I Zimbra è la mia canzone preferita
comunque i primi quattro album sono imprescindibili.

andycandy ha detto...

Basf verde da 90 minuti. Remain In Light, sul lato A. Non oltre l’82. Era l’oggi e lo è ancora. Perché ha abbandonato blues e campagna (detto a sforbiciate di corsa).
E secondo me, Live, questo è il motivo del perché non ti piacciano i TH, Remain In Light soprattutto. Oggi, questo dovremmo considerare come il classic rock, il brodo primordiale gravitante attorno al CBGB’s. Il prima, con diverse luminosissime eccezioni ovviamente, più o meno mesozoic rock.
PS Dopo aver lottato strenuamente mi sono arreso all’ennesima versione con Fela’s Riff. Mortacci loro.
Saluti

andycandy ha detto...

Sempre per evitare di venire sulle rive del Cam, Valè, prova questa alternativa:
- War Of Armageddon by Funkadelic
- tutto On The Corner by Miles Davis
- Fela Kuti, random;
shakerare, sbiancare e servire freddo nella Grande Mela.

Anonimo ha detto...

cme non si giudicano i gusti altrui, anonima: qua si fa solo questo!

o da bravo ciccisnob preferisco appunto 77, che consiglio decisamente a Vel come primo riascolto.

e pulled up, maggiore, é musica felice

fedewaits oggi grafomane

Anonimo ha detto...

fedewaits???

Scusa? Che avrei detto di male?

Che significa : qua si fa solo questo?
Cioè giudicare i gusti altrui?

A parte il fatto che sei il primo qui che interagisce con gli altri ( con me) e la cosa mi fa piacere.
Sta ad indicare che non tutti i commentatori di diamondog sono affetti da autismo cronico.
Tuttavia non capisco perchè ti si è arruffato il capello dopo il mio intervento.
Anonimaqui

Anonimo ha detto...

non mi si é arruffato nulla, il tono voleva essere scherzoso. mi riferivo alla nostra abitudine di discutere, anche per ore, i gusti altrui. ci piace la polemica, questo volevo dire.

FW

liveon35mm.com ha detto...

Con i Funkadelic ho avuto la mia fase...ma il funk a periodi sinusoidali di frequenza relativamente lunga entra in vibrazione con le mie corde.

On the Corner mi regalo' il suo vinile mio zio quando ero ancora troppo piccolo per capirlo, non mi stupi' come altri classici davisiani, ma potrebbe essere un motivo per vedere se il piatto funziona ancora

Remain in light, e' nella mia lista..lo riascoltero'..spirit non e' che non conosco i Talkin Heads e' che nonostante ne apprezzi la grandezza e percepisco l'importanza nel traghettare la musica della Grande Mela dai Velvet Underground agli MGMT, non usano i suoni che piu' "gradisco"

Anonimaqui, il punto qui e altrove non e' discutere dei gusti altrui, magari! Saremmo gia' un passo avanti, e' che si giudicano.

buonagiornata

Anonimo ha detto...

questo è un blog di nicchia ed è difficile inserirsi in qualsiasi discussione.

Evalu

Anonimo ha detto...

si Vale, l'avevo immaginato (anche se l'ho immaginato un attimo dopo aver scritto).
Comunque direi che è un buon consiglio comunque.
A me TH piaccioni molto, ma a digerire R in L ci ho messo un po'.
Sicuramente il postpunkeggiante(?) 77 o anche l'ascoltabilissimo (troppo facile?) Little Creatures sono punti di partenza più semplici

The Spirit

Anonimo ha detto...

FW.

Lo avevo capito. Il " non discutere dei gusti altrui" come premessa (pur sapendo che sarebbe stata, comunque, un premessa superflua dal momento che nessuno mi avrebbe letto)era solo un modo per attenuare il mio intervento... Non volevo essere presa a calci nel sedere ecco

Tu mi hai lettooooooooo!!!
Mi hai sorpreso!:)

Anonimo ha detto...

Quelal sopra sono io.


Anonimaqui

Anonimo ha detto...

ma é divertente giudicare i gusti altrui, Vale, dai!!
perché prendersela!

sono d'accordo con lo Spirito: risentiti 77, per prima cosa. a me é un CD che mi fa sbellicare

fw

Anonimo ha detto...

FW

Non è che mi hai rivolto la parola perchè mi hai scambiato con qualche tua amica...:)

Vale????? Io non sono Vale.

Anonimaqui

porillo ha detto...

Ritorno alla vita (virtuale) e Maggiore, ti ritrovo sempre "duro al pezzo". E che pezzo! Non potro' smettere mai di ringraziarti finche' mi fai rimembrare certi dischi... Forse perche noi due abbiamo avuto un background musicale abbastanza simile, per poi prendere indirizzi differenti.
Un saluto a tutti ed un ringraziamento particolare ad andycandy per quel "fela kuti a random", una scelta solennemente azzeccata.
Me ne vo' a Perugia per Umbria Jazz, quando torno mi devo accattare nu' Pc nuovo perche' il mio e' schiattato.....
love

Anonimo ha detto...

Siamo donneeeee, oltre le gambe c'� di pi��
Donne donneeee un universo immenso e pi��������Senza donne ma sai che noia qui in citt������
Donne donne la vita gira un po' di pi�
Siamo donne, oltre le gambe c'� di pi�����
Donne donne un universo immenso e pi���
Senza donne ma sai che noia qui in citt�
Donne donne la vita gira un po' di pi�
Attento che cadi!

Dedicata a Diamondog:)

Chiedo scusa agli altri. So che avete gusti musicali raffinati, ma la dedica ha un suo perch�.

Anonimaqui

Anonimo ha detto...

Porillo!
il ritorno del fighetto!
o dello sfigato...?

majorTom ha detto...

Un caro saluto a tutti.
Ai comeback of the year e ai pesci fuor d'acqua.
Vedo che i Talking Heads acchiappano.....

Anonimo ha detto...

Anonima: 6 sputacchi scrivendo il niente.
Evalu: 1 s(t)crofa scrivendo il niente (ma chi è? una di quelle mezze calzette che bazzichi?)
1 Anonimo: Zio paperino?
Acchiappano proprio ste teste parlanti.

Anonimo ha detto...

Anonimo

Questo, in tuo onore, è il settimo sputacchio (che ti farei in faccia volentieri), pur nella consapevolezza che non lo meriti, perchè sei solo un vigliacco che ha il timore di firmarsi anche con un nickname.

Tu, invece, cosa avresti detto di interessante o di diverso dal nulla?

Anonimaqui

Anonimo ha detto...

bitterAnonima: 7 sputacchi scrivendo il niente.

Vincenzino Impomatato

majorTom ha detto...

gnegnè non prendertela, ogni blog ha i suoi "provocatori".....

Anonimo ha detto...

Diamondog... lo so.. lo so..

Ora ho capito che il provocatore è Bellochiavico...


Anonimaqui

Anonimo ha detto...

Scusate, tanto per fare chiarezza:
REMAIN IN LIGHT E' L'ALBUM N°1 DEL DECENNIO 1980-1990.
Qualche criticone lo mise fra i primi 3, non si sa che fine abbia fatto.
Comunque propedeutico è My Life In The Bush of Ghosts di Byrne+Eno da cui venne poi fuori il capolavoro.

arc

majorTom ha detto...

Arc!
Il Re di Vivo!
RIL è epocale.
Anche se io personalmente gli ho sempre preferito la cupezza di Fear of Music.
Ma si sa, io sono per i lati oscuri.