venerdì 11 dicembre 2009

In verità in verità vi dico

"Every time I listen to this song, it's like looking through a crapbook of my life as the memories come back to me. I can see all the people's faces, all the parties, and good times going way back. I guess as we get older all we really have are our memories, but it's the music that reminds us to reflect on them."
courtesy by http://www.youtube.com/user/MyInnerEyeMike

Ecco. Queste scarne parole pescate/rubate a caso sul tubo a notte fonda, riferite al celebre pezzo dei Sabs ma in realtà universali, contengono un pozzo di verità.
Non credo sia il caso di aggiungere altro.
Meno male che la musica c'è.
Alla prossima.
Halleluja!





Black Sabbath - Laguna Sunrise

15 commenti:

Euterpe ha detto...

Riflessione profonda e verissima valida però solo per chi la musica la vive fino in fondo.
Riguardo ai sabbath invece ho visto lo Zio Toni a Giugno a Monza con gli Heaven and hell ed era in grandissima forma nonostante l'età.

DiamondDog ha detto...

Non lo so carissimo, ma io raramente riesco ad ascoltare una canzone che già conosco senza che mi si generino dei ricordi.
E se questo vuol dire che vivo la musica fino in fondo, ben venga!

DiamondDog ha detto...

Poi magari ci son pezzi più "evocativi" di altri.
Questo strumentale in bilico tra serenità e malinconia, arpeggiato ma non melenso, elegiaco senza strafare è veramente ad hoc per farti rievocare qualcosa.....

Euterpe ha detto...

Da quello che scrivi e da come lo scrivi,ma soprattuto da quello che ascolti è indubitabile che tu la musica la vivi davvero fino in fondo!

eni ha detto...

Stè non saprei cosa scegliere...se il tuo video o il tuo commento.
Condivido ciò che dice Euterpe.

io sono io... e tu chi sei? ha detto...

DD,
poco fa mi hanno portato il Buscadero (a dire il vero è uscito da almeno una settimana, ma k'ammaffà...), e siccome il box live di Tom Petty & gli Spezzacuori è il loro "disco del mese" ed è pure la copertina,
mi sono ricordato che non ho mai saputo se l'hai poi ricevuto,
o se te l'hanno ciulato...

ti spiace informarmi?

grazie.

MrMontag ha detto...

Quasi ogni canzone è legata a qualcosa o qualcuno, quasi impossibile che non generi ricordi.
In passato ci son cose che non riuscivo a riascoltare, tanto erano evocative di cose che non volevo assolutamente evocare.
Va beh. Bel pezzo comunque.

DiamondDog ha detto...

Ciao Agnul, scusa, mi pareva di avertelo detto. Arrivato sano e salvo, ascoltato già al 50%......

Montag, I totally agree. Anche sulle canzoni che fa male ascoltare. Ma fa parte del gioco.

Anonimo ha detto...

Bello questo pezzo, non solo non lo conocevo ma neanche immaginavo che i BS avessero mai concepito un brano così....post@ per te, Diamond!Totonno

Anonimo ha detto...

grazie!

una cosa però non capisco...
quando abbiamo fatto insieme la storia dell'hard rock,
un migliaio di righe excel, quindi, pur considerati gli spazi bianchi, direi 8/900 brani...
perché non mi hai indicato sto pezzo, "Laguna Sunrise", se ti piaceva tanto?
è nella loro doppia antologia "Sympton of the Universe" (original BS 1970-1978, 2:50)...
poi io magari avrei mentito spudoratamente, dicendo di non averlo, perché non è certo da "storia del rock"...
è solo un lentone anfetaminico da pennichella...

mah!

countryfeedback.splinder.com ha detto...

Oddio era davvero una vita che non ascoltavo questo pezzo... ed è proprio come nella citazione che posti; a volte le note ci mettono davvero un secondo a rievocare un mare di ricordi...

DiamondDog ha detto...

@totonno: ma come non la conoscevi? lieto di averti aperto nuovi orizzonti. I Sabs sono una miniera di scoperte.....
@agnul: non è un pezzo da mettere tra i più significativi dei Sabs anche se spesso presente nelle loro antologie, forse per far capire che non erano solo "bevitori di sangue". E' un pezzo evocativo che non ti aspetteresti da loro (vedi la sorpresa di Totonno).
@country: i pezzi nascosti nel nostro profondo ti sorprendono più di quelli che ti sono evidenti tutti i giorni.

Anonimo ha detto...

E la post@?totonno

DiamondDog ha detto...

ah già, adesso vado!

Maurizio Pratelli ha detto...

meno male si! ma son tempi durissimi.