lunedì 15 febbraio 2010

I Miss You

Blink 182 sono, assieme a Green Day e Offspring, i maggiori artefici della "poppizzazione" del punk.
In verità molti dei filoni dell'American Punk sono sempre stati intrecciati con la melodia, al contrario di ciò che succedeva in Britannia (Buzzcocks a parte). Senza scomodare le divinità, Bad Religion in questo senso sono stati a mio avviso i veri giganti.
Ma torniamo ai nostri tre gruppi di furbastri, capaci con astuzia di infilare svariati album million-seller con la formuletta della melodia pop abbinata ad un set di chitarre fumanti e batterie sovraeccitate.
Insomma non me la sento di giudicare troppo, l'American music è in fondo infestata da fenomeni ben peggiori dai......
E ancora se non vogliamo stare sempre a menarcela su quanto sono bravi i bravi, dovremmo cercare di fare un piccolo sforzo anche per cercare, quando succede, di dire quanto sono bravini i meno bravi.
Ecco, questo pezzo dei Blink a me è sempre piaciuto.
Ha quel non so che di "diverso" dalla loro produzione normale, ha quel sottofondo di leggera malinconia che non trapela dai loro blockbuster, ha una piacevolezza a sè stante.
Che prescinde dal punk poppizzato e si lascia ascoltare volentieri.
O forse chissà, avrei soltanto voglia di avere di nuovo 16 anni......
Halleluja gens!

16 commenti:

Harmonica ha detto...

ti dirò, a me piacciono i Green Day, grazie anche al massiccio ascolto che ne fa mia figlia 15enne. Se penso che le sue amiche sono sintonizzate su Ferro e la Pausini ;o)

Mr Montag ha detto...

I Green Day di Dookie mi piacevano, Punk Rock Song dei Bad Religion e Self-Esteem degli Offspring ai miei tempi erano degli inni :-)
I Blink li ho seguiti meno, ma questo pezzo mi piace ancora!

allelimo ha detto...
Questo commento è stato eliminato dall'autore.
Euterpe ha detto...

Diciamo che non sono proprio dei miei punti di riferimento ma sono d'accordo con te che questa canzone è un po' diversa dal loro solito repertorio e poi confesso che a me piaceva anche all the small things col video che sfotteva britney e i backstreet boys.Da qui a dire che fossero un gran gruppo ce ne passa e secondo me i green day di dookie e gli offspring di smash erano un 'altra cosa per non parlare dei bad religion di stranger than fiction che erano supportati anche da liriche di notevole spessore.

totonno58 ha detto...

Passo...anzi, mi trattengo un minuto per ricordare il cantante dei Knack che ci ha lasciato...per la miseria, deve aver avuto tanto coraggio e forza per combattere sei anni contro quella malattia tremenda che è il tumore ai polmoni! RIP...:)

Mr Montag ha detto...

Così tanta grande musica e così poco tempo per ascoltarla e conoscerla tutta :-) condivido il pensiero di Allelimo, ma se i bravini si fanno trovare senza troppa fatica io sono pronto ad apprezzarli... :-)

Marco (Cannibal Kid) ha detto...

hai dimenticato di citare i good charlotte. forse perchè sono un gruppo molto facile da dimenticare :)

i blink non hanno mai retto la distanza di tutto un album, ma sono la dimostrazione di come anche i gruppi solo bravini qualche pezzo che merita lo possono pur sempre tirare fuori

DiamondDog ha detto...

Cari tutti.
Sul discorso dei "bravini" io la penso così.
Al di là dei sovrumani sforzi che facciamo tutti, seguendo il nostro discorso di cultura e gusti personali, per cercare tipo Diogene cose VERAMENTE DEGNE DI NOI (che duole dirlo ma un tantino supponenti lo siamo, me per primo eh).
Al di là che il mondo pulluli di grandi artisti anche misconosciuti che faticano a trovare una ribalta e pertanto rendono l'impresa sempre più ardua.
Al di là di tutto questo ecco il fatto è che siamo sottoposti ad un bombardamento di stimoli quotidiano in cui c'è solo una piccolissima percentuale di alta qualità.
Se sono in macchina in autostrada non posso fare molto di più che ascoltare Virgin Radio, o qualche programma di RMC o Capital. Perchè non sempre mi ricordo di portare con ma i CD sopraffini.
Se sono in un grande magazzino sono martellato da musica in sottofondo, lo stesso a casa dove metto in background MTV per non mettere i troiai che passano gli altri canali (sì ok direte perchè no spengi quella cazzo di televisione che è meglio? e al di là del fatto che ho una famiglia sulla quale non voglio fare il dittatore anche qua mica puoi stare sempre con lo stereo acceso con i Pixies per dire...).
Insomma VOLENTI O NOLENTI dobbiamo ascoltare anche bravini, scarsini e ciofecone, cercando di difendere i nostri padiglioni auricolari dal peggio.
Quindi mi capita a volte di soffermarmi su pezzi tipo questo che magari per qualche minuto ho canticchiato.
E mi capita anche di condividerne le sensazioni con qualcuno.
Poi oh.
Quando passerà la carta dei vini col Brunello cercherò di condividere anche quello......

allelimo ha detto...
Questo commento è stato eliminato dall'autore.
DiamondDog ha detto...

Ok Ok caro il mio signor "duro&puro"......
Quindi dobbiamo dedurne che anche sotto la doccia canticchi Fennesz o David Sylvian?
Non ci credo dai.
Siamo consapevoli che esiste musica di differente livello qualitativo ma è anche l'occasione che fa l'ascolto....
Ci sono momenti molto disimpegnati in cui è lecito cantare di tutto e nessuna Polizia del Gusto ti arresterà mai!!!!

allelimo ha detto...
Questo commento è stato eliminato dall'autore.
DiamondDog ha detto...

Dormi dormi coscine di pollo no eh?
:-)

allelimo ha detto...
Questo commento è stato eliminato dall'autore.
porillo ha detto...

passo.

Harmonica ha detto...

io alla mia infante gli cantavo "Evangeline" dei Cocteau Twins e se non cedeva attaccavo con la Divina Commedia :-D

allelimo ha detto...
Questo commento è stato eliminato dall'autore.