domenica 6 maggio 2012

New Order nonostante tutto



A volte penso quanto sia stata dura per Sumner, Hook e Morris salire sul palco per tutti gli anni 80 con il fantasma di Ian Curtis sulle spalle. Che se CLOSER resta disco immortale, quello che hanno fatto i superstiti per almeno un paio di decenni è altrettanto importante.
I NEW ORDER sono stati la spina dorsale del pop elettronico inglese a partire dalla svolta epocale di Blue Monday e a finire con i vari side projects tipo i Bad Lieutenant, viaggiando sempre in parallelo con i CURE post-Pornography, alternandosi nella corsia di sorpasso a seconda dei momenti (True Faith, Lullaby....). Spesso penso ad invertire i vocals delle due band, ci starebbe benissimo Ciccio Smith a cantare le canzoni dei New Order.
Certo, le tematiche "dark", il nichilismo, il romanticismo insito in canzoni come Love will tear us apart, l'asciuttezza di Transmission e tutte quelle robe lì a cui tutti noi siamo attaccati come alla coperta di Linus......ma caspita, i NEW ORDER sono sempre partiti con l'handicap!
E visto quello che ne hanno cavato, cari signori miei, tanto di cappello.
E che BIZARRE LOVE TRIANGLE vi travolga!

7 commenti:

Alexdoc ha detto...

Il parallelismo tra loro e "Ciccio" Smith l'ho sempre fatto anch'io, che non sono mai stato un fan delle due band, passate di colpo, senza preavviso, dai cimiteri alle discoteche, due estremi che m'interessano poco entrambi. Ho sempre rispettato molto la figura di Ian Curtis, la scarna ma dirompente discografia dei Joy Division e il fatto che siano l'unica band della storia che abbia affrontato l'abbandono (in questo caso, fisico) del cantante proseguendo e cambiando non solo la proposta musicale, ma il nome, diventando un altro gruppo, cosa che tanti sono diventati mantenendo lo stesso nome. A ben vedere, il punto di coerenza che trovo tra J.D. e N.O. é il "non look", la semplicità nell'approccio visivo, che ho sempre preferito all'eccesso di "trucco e parrucco" di Robert. Oltre ai Cure i Mancuniani da un certo punto della loro carriera hanno viaggiato in parallelo anche a un'altra entità, i Pet Shop Boys, e a questo punto la metamorfosi era completa.

DiamondDog ha detto...

Le "produzioni" si sono avvicinate a quelle dei Pet Shop Boys (che pure non disdegno eh) ma le canzoni secondo me si sono mantenute sempre ad un livello superiore. Sumner e soci (ma anche Smith, obviously) hanno la penna "pop" che risente degli anni della malinconia, Neil Tennant e il suo compare sono sempre stati più mondani.

Marco Goi (Cannibal Kid) ha detto...

enormi new order!
fondamentali (quasi) quanto i joy

allelimo ha detto...

D'accordissimo con Alexdoc sulla coerenza dimostrata con il cambio del nome, anche se ultimamente si sono "rifatti" con le tristi vicende post-scioglimento/reunion/cover-band di sè stessi/etc. (non se ne sono fatta mancare una...)
E mi stupisco un po' di questo post: i New Order sono l'ultimo gruppo al mondo che mi sarei aspettato di vedere apprezzato da te, DiamondDog: un gruppo di (grandissimi) non-strumentisti come loro, con un cantante indecente dal vivo, e un sottofondo tutt'altro che pop anche nei pezzi più "facili"...
Senza contare che almeno due sono due discrete teste di cazzo (Sumner e Hook), basta ascoltare un qualsiasi loro bootleg per sentire scazzi col pubblico, litigi etc.
(A me piacciono, eh!)

DiamondDog ha detto...

Il fatto è che i Joy Division li ho vissuti da "avversario" e li ho capiti solo dopo, così come i primissimi Cure.
I New Order li ho "subiti" immediatamente con il disco-mix di Blue Monday.
Si tratta comunque di gruppi veramente fondamentali, da cui non si può prescindere per capire gran parte della musica di oggi.

Harley Quinn ha detto...

Assoluto merito ai New Order di essere riusciti a rimanere in piedi al centro del fuoco. Alla morte di Ian (che per me sarà sempre assolutamente una spanna sopra a molti) se la son dovuta gestire loro la situazione da molotov. Con i fan che inneggiavano Ian e ci davan giù pesanti sulle loro fatiche. Solo CEREMONY riscosse un po' più di clamori, ma perché era ovviamente stata scritta e arrangiata da Curtis, e quando è stata ripresa dai New Order i fan ci hanno visto solo la celebrazione a Ian. Per quanto mi riguarda concordo sul tanto di cappello. Massima stima. Ce ne fossero di gruppi capaci di continuare nonostante i fantasmi.

DiamondDog ha detto...

benvenuta harley, grazie per il commento!