lunedì 10 settembre 2007

Cose rassicuranti



Ognuno ha i suoi punti deboli.
Un ex metallaro, ex punkettaro, ex dark, ex_molte_ cose_pesanti come me lo sa meglio di chiunque.
Facile per un amante di Bob Dylan proclamarsi fan della Poesia.
Facile per chi ama i Beatles seguire l’onda del romanticismo.
Meno facile per quelli come me amare questo gruppo e soprattutto amare alla follia alcune delle loro canzoni, fra le più belle di sempre.

Questa “cosetta” (una via di mezzo tra un valzerino ed una ninna nanna) di meno di due minuti è un condensato di Bellezza e di Cuore senza paragoni.
Addirittura per me supera l'incantesimo generato da There is a light that never goes out.

La canzone esiste. E’ stata scritta cantata e suonata là da qualche parte, somewhere in England. Non me la sono sognata. E la mia immensa gratitudine al Moz e a Johnny per avermela data.

PLEASE PLEASE PLEASE LET ME GET WHAT I WANT

Good times for a change
See, the luck I've had
Can make a good man Turn bad

So please please please Let me, let me, let me Let me get what I want This time

Haven't had a dream in a long time
See, the life I've had
Can make a good man bad

So for once in my life
Let me get what I want Lord knows, it would be the first time Lord knows, it would be the first time
PS Qualora non fosse ancora chiaro, nei riquadri in alto a sinistra sotto "please please" ci sono alcuni filmati tratti dalla rete relativi al pezzo in questione, compreso una buona (anche se un pò troppo melò) versione dei MUSE.

26 commenti:

loopdimare ha detto...

"Gli anni 80, infatti, videro il lato rock sempre più eroso dai generi “neri” tipo il soul"

ma chi è l'asino che ha scritto sta cosa?

"eroso"? il rock nasce dal rythm & blues, il soul dal gospel, quindi tutta radice nera.
1 - il soul nasce negli anni 60.
2 - non si può confonderlo con la disco e nemmeno col pop nero degli anni 70-80.
3 - “musica del diavolo” è sempre stata per definizione il blues...

non voglio infierire oltre....
amen

QUESTO COMMENTO SI RIFERIVA AL TEMA PRECEDENTE.

ENTRANDO A PEIDI GIUNTI SU QUESTO, VORREI SAPERE CHI E' LA BELLA MENTE CHE ASSOCIA I BEATLES AL ROMANTICISMO...

loopdimare ha detto...

per qunto riguarda la canzone, non ti pare che ti sei allargato un tantino?

Anonimo ha detto...

Heilà, appena avviata la discussione si volta pagina?

Comunque io al trsp avevo risposto, a chi interessasse, sul post precedente.

Qui aggiungo che sul brano in questione le iperboli possono essere eccessive ma negare che sia vera poesia è arduo.

arc

loopdimare ha detto...

1 - uno può anche definirla fra le più belle di sempre, ma a questo punto amerei avere un elenco (almeno delle prime 50...).
2 - sul discorso rock, la cosa che mi irrita è l'atteggiamento per cui il rock è il massimo ed il resto può solo "corrodere".
aldilà di confondere la disco col soul (il soul è nero, la disco è come vedono i bianchi la musica nera. in effetti molte menti sono bianche, mentre molte voci sono nere, marionette nanovrate.
il rock non è la terra dei duri e puri ed il resto è merda. nel rock c'è buona roba ma tanta roba kitch come la disco e nel pop c'è parecchia roba di classe...

Anonimo ha detto...

Beh, nessuno ha detto che il rock è il meglio della musica, certo io non lo accetterei rifuggendo da qualunque assolutismo.
Dunque la "corrosione" del rock non va valutata come corrosione al meglio, probabilmente molte cose all'epoca erano "anche" migliori di un rock che stava vivendo una forte crisi di transizione e di rinnovamento.
Certo che nello spazio che si venne a creare tra il declino del rock "storico" (Who, Stones, anche Led Zeppelin ...) la fine di quello "progressivo" e l'avvento del punk e della new wave si inserì prepotentemente il funky e la Disco di cui effettivamente ci furono buone cose insieme a una montagna di porcherie fatte da ignoti smanettoni e voci in prestito... Al contempo arrivarono al successo planetario anche artisti neri che nulla avevano a che spartire con questa musica, vedi Stevie Wonder.

arc

majorTom ha detto...

"Il rock non è la terra dei duri e puri".

Ecco io faccio un topic su un brano degli Smiths dopo averne fatto uno qualche giorno fa sul Gran Rifiuto di Morrissey e tu traps hai il coraggio di uscirtene con un'affermazione del genere?

Il Rock NON è un genere traps.
E' uno stato d'animo.
Se sei Rock sei duro e puro, indipendentemente da come suoni duro.
Gli Smiths in questo senso sono molto Rock.
La canzone invece resta una meravigliosa intensissima nenia.

lopdimare ha detto...

"Il rock è uno stato d'animo...."

scrivi qualcosa del genere e pubblicalo su Calligrafia - genere: umorismo...

io mi rifiuto di andare oltre.

majorTom ha detto...

Guarda cocco che l'ha scritto ancge Assante da qualche parte.
Non che voglia copiare, solo che lo condivido anch'io.
ROCK è ribellione, voglia di cose nuove, energia, passione, purezza e durezza insieme, amore, schieramento.
Come non riconoscere la grandezza Rock degli Smiths?
Continua a classificare la musica attraverso i suoni e non ne capirai mai l'anima.
Ma ci perdi tu, mica io.

Anonimo ha detto...

x Traspa:
prima di valutare da una frase che può non piacere, estrapolata poi da un più ampio contesto, ti inviterei a guardare il sito di Rosaselvaggia: oltre a non esserci scritto che il rock è razza superiore onora addirittura un nero (e il blues in quanto musica "triste" per definizione) come precursore del dark, addirittura anticipandolo di quasi trent'anni: Screamin' Jay Hawkins.
Non manca neppure uno spazio per
Billie Holiday, ma ti invito a leggertelo da te onde evitare gli equivoci di cui sopra.

arc

majorTom ha detto...

Dovrei scriverlo di là ma è troppo azzeccato qui.
non c'è peggior sordo di chi non vuol sentire

loopdimare ha detto...

ROCK è ribellione, voglia di cose nuove, energia, passione, purezza e durezza insieme, amore, schieramento.

detto da uno che adora David Bowie che è involuzione, avidità, calcolo, restaurazione, apperenza senza sostanza, è tremendamente ridicolo.
aaggiungo poi che un conto è il rock visto dal pubblico ed un conto è il rock visto dal palcoscenico....
la rivoluzione del rock 8che c'è stata) è diventato pura gestualità.
Elvis è stato rivoluzionario ed è finito restauratore, Lennon è stato rivoluzionario e poi si è perso nel fumo, i Who sono diventati la caricatura di loro stessi e così via...
secondo i tuoi criteri (e quelli di celentano) sono rock:
- la beat generation
- il free jazz
- la folk music anni 60
- il punk
- tutti i cantautori antisistema
e così via

non sono rock:
- il prog (restaurazione culturale piccolo borghese)
- il metal (forzatura esteriore dell'hatd rock, senza alcuna implicazione esistenziale)
- il glam (estetismo dannunziano/wildiano)

Anonimo ha detto...

Traspa dovresti aggiornarti un attimo, il rock è diventato adulto consapevole ed evoluto, ben altro del ribellismo adolescenziale già 30 (diconsi TRENTA) anni fa.
Continui a non volerlo capire, aggrappato alla tua nostalgia di cose forse addirittura sognate ma ciò che è triste è vedere come ogni volta si cerchi di avere un dialogo ci si trovi di fronte ad assiomi e dogmi che tantissimi (addirittura il Mucchio Selvaggio ha fatto pubblica ammenda sui Genesis di Gabriel) hanno abbandonato.
Peccato, ci avevo creduto un'altra volta, un'altra volta vedo delusa l'aspettativa di uno scambio. E' proprio vero che le le convinzioni sono prigioni.. nel tuo caso un ergastolo.
Riposa in pace.

arc

loopdimare ha detto...

"ROCK è ribellione, voglia di cose nuove, energia, passione, purezza e durezza insieme, amore, schieramento."

scusa arc, sta roba non l'ho scritta io, di al diamante di aggiornarsi.
per me il rock è semplicemente musica per tener buoni gli adolescenti e farli crescere, governado le lor pulsioni rivoluzionare in un ambito totalmente gestito e non pericoloso per la società.
in questa situazione, poi, ci sono fenomeni di rottura, "rivoluzionari" più per il costume che per la musica, ma pur sempre di rottura: tralasciando Dylan, direi i Velvet, un po' di punk, Patty Smith, alcuni cantautori, certi primi rappers, e così via.
sono piccoli squarci di una musica energica ma omologata, che ciclicamente ricicla stili e stilemi. l'evento artistico è fortuito e casuale ed ha possibilità di "uscire allo scoperto" solo in momenti di "scarso controllo sociale"...

majorTom ha detto...

per me il rock è semplicemente musica per tener buoni gli adolescenti e farli crescere, governado le lor pulsioni rivoluzionare in un ambito totalmente gestito e non pericoloso per la società.

Questa è veramente il periodo più inconcludente, reazionario e paraocchi che tu abbia mai scritto.

E poi su David Bowie. Magari a desso alla soglie dei 60 non sembrerà molto rock. Ma vuoi provare a dire che non è stato un innovatore e a suo modo un ribelle? Ma stiamo scherzando? Lo è stato perlomeno dal 1972 al 1983. Poi solo a sprazzi.
Traps, devi iscirverti alla Sapienza dal prof Assante, magari ti dà una rinifrescatina.

majorTom ha detto...

Ovviamente innovare e ribellarsi può essere fatto anche intellettualemnte e culturalmente traps, non esiste solo il mondo fisico.

Anonimo ha detto...

x Traspa
Ho equivocato, mi scuso.
D'altra parte abituato a certe tue posizioni quello che leggevo mi sembrava la tua idea di rock, a volte ribadita in forme molto somiglianti a queste che tu stavolta attribuivi (non so quanto a ragione) a MT.
E comunque le parentesi sono indiscutibilmente tue.

Mi piacerebbe infine sapere se il sito che nominavo l'avete visitato o no, supercazzoni!

arc

loopdimare ha detto...

il sito è tecnicamente fatto bene.
ovviamente la prospettiva è molto particolare.

majorTom ha detto...

E' un bel sito, con un taglio preciso e non generalista, molto "ficcante" ma anche molto preciso e per niente cialtrone.
L'ho già messo tra i preferiti.

silvia ha detto...

tu sei un genio!!e non sai che piacere m'ha fatto leggere il testo di quella canzone proprio oggi...e proprio in questo periodo in cui ci sto in fissa...grazie per aver postato la canzone giusta al momento giusto!

DORMISEPOLTO ha detto...

Sai cosa mi piace di più di te? La passione, il "credo" che hai in ciò che scrivi.
Condividere o meno è un altro discorso.
Nel tuo caso... secondario.
Sandro

majorTom ha detto...

Ringrazio Silvia e Sandro per i complimenti non meritati.
Mi fa piacere soprattutto che si percepisca ciò che sta "dietro" certi post.
E per quanto riguarda la "condivisione".....beh, non è fondamentale quanto il trasmettere ciò che si prova.

ge ha detto...

i tuoi punti fermi per me sono fortemente instabili...;)
ge

fw ha detto...

beh, insomma, nun so, un commento suquesta reunion?
dicono che é solo per un concerto. e solo per illoro guru dell'Atlantic.
mah.

majorTom ha detto...

Fede stai parlando dei Led Zeppelin?
Se sono loro il mio pensiero è molto negativo non tanto su Plant che mi dicono in gran forma quanto su Page che dopo lo scioglimento della band ha dato solo prove opache. I tour che fecero Page&Plant fu un mezzo fiasco.
Non so, non mi convince.

fw ha detto...

si major, parlo dei Led. e son perplesso come e più di te!

in qualche modo, fino ad ora, si erano comportati diversamente dagli dinosauri.

non che sia una cosa importante, per carità. anche se...

majorTom ha detto...

Da Ovi (che ultimamente si nasconde un pò......saltare il post degli Smiths non è da lui) c'è un bellissimo filmato di Page/Plant che cantano Rain Song.
Da brividi.

http://ovidionasone.splinder.com