giovedì 27 settembre 2007

ADESSO BASTA

Basta. Mi ero ripromesso di non scrivere più niente a proposito di reunion.
Si stanno riunendo praticamente tutti e io non trovo nessun valido motivo per gioirne.
Si tratta perlopiù di bieche operazioni commerciali che al 99% dei casi (salvo solo i Police che mi dicono quasi più bravi di allora) si risolvono in penosi e tecnicamente modestissimi dejavu.
E allora che cacchio sei qui a parlarne, direte.
Perchè è ripreso il tormentone dei Queen.
Che dopo la contestatissima tourneè Queen + Paul Rodgers, pare usciranno con un disco di inediti da studio. Pare senza John Deacon. Pare anche, ma dopo i duetti di Nat King Cole con il resto del mondo sono pronto a tutto, senza Freddie Mercury.
E allora dico BASTA.
Capisco tutto.
I soldi, la noia, la voglia di uscire dalle tenute miliardarie per andare ancora un pò on the road a sfangare groupies e altro (vedi Sting "beccato" nel bordello di Amburgo).
I fatturati che calano impietosamente e la necessità di riempire le arene.
Capisco anche che purtroppo non ci sono più gruppi "planetari" che possano riempire la scena. U2 e REM forse sono stati gli ultimi dinosauri. Ma dopo di loro, senza voler togliere alcun valore ad artisti comunque bravissimi, non si sono viste più greatest rock'n'roll bands in the world.
Tranne, forse, Ligabue.
Ed allora, caro Freddie (uno dei pochi artisti per la cui morte mi sono commosso), anche se puttanate ne hai fatte tante anche te (e Caballè....), dammi una mano a faje dì de no.
Prestame er Ponentino più malandrino che c'hai.
Freddie nun fa lo stupido stasera.

27 commenti:

Anonimo ha detto...

ma, secondo me, non è mica una questione di soldi!
Secondo il mio modestissimo parere è il desiderio di avere ancora successo, di essere considerati "fighi", di avere migliaia di fan ai tuoi piedi.
Dopo la morte di Mercury i Queen non avrebbero più avuto ragione di essere: accetto la pubblicazione di Made in Heaven - magari con un altro titolo - perchè comunque si trattava di inediti registrati da Freddie, posso sorvolare su qualche occasionale riunione in concerti a fine benefico; ma niente di più!
Che senso ha?
Non dico che i tre Queen superstiti non dovrebbero più fare musica, ma cavolo almeno cambiatevi nome! I Joy Division divennero New Order, dopo la morte di Ian Curtis, ed ebbero anche un certo successo.
E' anche una questione di rispetto per chi non c'è più!
Ciao
Janine

Masque ha detto...

Ok, Brian e John (amici miei, li ho visti l'altro giorno dicendogli "che cazzo state a fà?") hanno ancora voglia di fare musica, ma da soli non riescono a combinare niente (guarda il disco flop di Brian May). Vogliono ancora cavalcare il nome Queen? posso anche capirlo.. ma almeno scegliete qualcuno di valore da far cantare al posto di Freddy! qualcuno che non vuole sostituirlo, ma omaggiarlo.
Se non sbaglio un certo Robbie Williams (questo sconosciuto) avrebbe fatto CARTE FALSE per fare un tour con i Queen!
E personalmente avrei accettato, perchè Robbie (sempre amico mio) ha la verve per fomentare le folle, non copiando ma omaggiando Freddy nostro.

majorTom ha detto...

Per completare il topic, sono anche d'accordo nel fare un tour "nostalgico" con un ospite di prestigio: Paul Rodgers, Robbie Williams, ma ancora di più George Michael, di cui si ricorda una stupenda versione di Somebody to love al Freddy Mercury Tribute, proprio con la band.
Ma mi pare eccessivo sviluppare un lavoro da studio che avrebbe ben poco dei Queen. Solo una parte del songwriting e forse un pò di sound se richiamano Roy Thomas Baker alla produzione.
Ecco, ora ho detto tutto quello che mi frullava in testa, grazie a Janine e masque per gli interventi.

majorTom ha detto...

Masque: AMICI TUOI???????
E la butti lì così?

Anonimo ha detto...

i Queen avrebbero potuto fare come... i Genesis. Roger Taylor alla voce, batterista nuovo o riciclato (ce ne sono un totale).
Mantenendo puro il ..."brand".

Piccola curiosità: sempre a proposito di Queen-Genesis: pare che alla fine dei sessanta, quando entrambi i gruppi erano ancora allo stadio di cellule staminali, Gabriel cercò di reclutare Taylor come batterista dei Genesis.

arc

majorTom ha detto...

La voce di Roger Taylor mi è sempre piaciuta molto (vedi "I'm in love with my car") ma in quanto a presenza scenica sarebbe stato tutto da verificare.....oddio non che Phil Collins ne abbia molta in effetti.
E poi almeno Taylor è belloccio, quindi partiva avvantaggiato.
Mah. In effetti poteva essere una strada senz'altro più dignitosa di quella attualmente in corso.

Stan ha detto...

Ma sai che la penso esattamente come te su Freddie. Ancora oggi, se penso a lui, dico: povero Freddie. E mi dispiace proprio che non ci sia più.

Buongiorno mT

Stan

majorTom ha detto...

Hi Stan.
Freddy era un buono.
Un generoso.
La gente queste cose le sente.
Tutti gli volevano bene, anche i suoi detrattori.

Henry ha detto...

sssììì???

Pogo ha detto...

Non sono tra quelli che credono fermamente che tutto abbia un inizio e una fine, ma penso che a volte porre fine volontariamente a qualcosa serva a dare giovamento e dignità a quel qualcosa. I Queen senza Mercury (ma anche Mercury senza i Queen) non hanno ragione di esistere.

majorTom ha detto...

Pogo, per quanto amassi Freddy in modo da rendermi poco obiettivo nel giudizio, sono d'accordo con te.
Ho sempre detestato la carriera solista di Freddie Mercury.
Senza capo nè coda.

Anonimo ha detto...

Un pò come dire.. Pelù senza i Litfiba...
Sandro (Dormis...)

majorTom ha detto...

Beh, oddio Sandro, fatte le debite (con la D maiuscola) proporzioni.....ma il concetto è quello.

Anonimo ha detto...

basta incensare delle checche perse!
mercurio, michele...
che strapalle !!!
io ho tutte le tracce di Mercury senza i Quees: checchiavicate !!!roba da asilomariuccia...

loopdimare ha detto...

Vorrei vedere i Queen con Bocelli al posto di Freddy. oppure una donna tipo skunkanasie o Annie Lennox...
Ligabue è la più grande bufala degli ultimi 10 anni.

feelglass ha detto...

er mafrodito che nun smette de cantacce "li campioni semo noi"! sembra che dave gilmour abbia rifiutato un'offerta miliardaria x reunion pink floyd...

majorTom ha detto...

Loop/Traps.
Sei l'unico sulla faccia della terra a NON aver capito la battuta su Ligabue.....(cui tra l'altro dedicai un "cattivissimo" eoni fa).
e quando ti dico che non hai senso dell'ironia non ti offendere!

Anonimo ha detto...

il dramma di Ligabue è di non potersi sciogliere in prospettiva di una reunion.
Ma potrebbe sempre "uscire pazzo"
suggerendo ipotesi di maledizione famigliare per poi rinsavire e farci sopra qualche guadagno...

Pelù poi...

arc

loopdimare ha detto...

oste, uno legge di corsa tra i cento blog vuoti, il testo è lungo e noioso (sembra uno scritto da tool) e l'ironia può sfuggire.
e comunque l'ultima frase (a sproposito) dimostra che i cazzi tuoi, MAI!

majorTom ha detto...

L'ironia può anche sfuggire ma credere che io incensi Ligabue resta comunque da allocchi.

loopdimare ha detto...

uno dei motivi per cui mi lamentavo sul bloggone: correre da un blog all'altro, praticamente per niente...
per cui, a guadagno di tempo, ti cancello dall'agenda.
l'allocco.

majorTom ha detto...

Ehi traps.
Hai cominciato tu a punzecchiare e offendere.
E mò fai il permaloso per un rapace?

stanlaurel ha detto...

Diobono, ma voi due non la smettete mai?

Buonaera, Stan

stanlaurel ha detto...

Bonaera forse è un augurio eccessivo, sa anche un po' di apocalisse. Ma forse Luth avrebbe apprezzato. Ciao Luth.

Stan

BouleDeSuif ha detto...

Oh, lasciami perdere Nat" King" Cole che" Unforgettable" è una delle mie canzoni preferite ;P .

Boule De Suif

majorTom ha detto...

perlamordiddio, Nat King Cole è un intoccabile.
Mi riferivo all'album di duetti post-mortem, in cui si abbinavano sue vecchie registrazioni a voci vive (tra cui la figlia).
Un'operazione che definire "pelosa" è fargli un complimento.

sibel ha detto...

Sting fu beccato anche alla "Corriera Stravagante", micropub situato nella ridente periferia romana del casilino...si narra che mangiò ravioli al coccio-dalle proprietà notoriamente allucinogene- e scamorza al prosciutto.
Se vai dar Tonno, a via bolognano a castelverde, te lo racconta.

Braid