lunedì 15 dicembre 2008

Musica e riciclaggio

Non so quanti di voi hanno ascoltato qualche canzone dall’ultimo “Day and Age” dei THE KILLERS.
Io sono abbastanza scioccato.
Dire che il disco è brutto non sarebbe corretto.
Le canzoni sono piacevoli e poco impegnative, scorrono bene, siamo in piena zona classifica. Pop molto user friendly e senz’anima, ma in giro c’è ben di peggio.
Però ad ogni solco c’è una frullata: una frullata di epoche, di stili, di generi musicali, di riferimenti e citazioni. Anni ’80, synth e sezioni ritmiche esuberanti, echi di blue collar rock, soffi di disco music. Con l’ottima ma impersonale voce di Brandon Flowers a riunificare il tutto.
Non mi pare ci siano plagi evidenti, ma non è questo il problema.
Anzi è proprio qua l’intelligenza della cosa.
Riproporre, riciclare stili e sonorità senza dare l’impressione di scopiazzare, ma solo di reinterpretare, di rivivere. E anche andare a scandagliare fra rimandi e citazioni è un giochino che per qualche ascolto magari ti prende.

Chi mi conosce sa come abbia apprezzato nel passato la medesima operazione di “sporco riciclaggio” effettuata dalle Scissor Sisters.
Solo che in quel caso là era il divertissement la chiave di ascolto e di lettura del fenomeno. In buona sostanza le sorelle forbice “ci fanno” alla grande, e pure con perizia tecnica e compositiva. Poi sta a te decidere se stare al gioco o tirartela con gli Henry Cow.
THE KILLERS invece sembrano crederci (dico sembrano perché non si sa mai) (che a prendere per il culo tutti sono buoni) (anche perché i soldi non fanno schifo a nessuno). Sembra che quando cantano “Human” ci sentano, non hanno quell’aria scanzonata che invece necessiterebbe.
Possibile che in pieno 2008 si possa essere un blockbuster mondiale propinando questa roba qua?
Chissà.

Forse è proprio vero che siamo ad un punto di non ritorno e, tutti immersi fino al collo in un immenso Blob, continuiamo a riguardare all’infinito dentro lo stesso caleidoscopio. Che pare mandare immagini nuove e diverse ma in realtà ricombina e rimescola sempre le stesse cose con perfida allegria.

E’ ufficialmente aperta l’era del Riciclaggio.

Speriamo funzioni un po’ meglio che a Napoli.

Halleluja!

12 commenti:

Anonimo ha detto...

Hai fin troppo ragione, queste canzonette sembra di averle già nelle orecchie da due vite e spessissimo a me viene la tentazione di cercare dove ho già sentito "quel" ritmo o "quel" sinth o ancora quel timbro vocale che per qualche secondo si riproducono identici ora, in questa roba qua che pretende di essere nuova e invece sono fondi di magazzino rimessi in vetrina.
Poi ci può essere la verità che siano anche solo imitazioni involontarie, figlie di un'incubazione genetica. O forse entrambe. Mah.

arc

Anonimo ha detto...

Nulla si crea e nulla si distrugge..tutto si 'riciccia'..
Un saluto.
Dende

majorTom ha detto...

@arc
io sono più per la teoria dell'imitazione involontaria. Il problema è che questa gente è più giovane di noi e magari paradossalmente, pur lavorando nel music business, ne ha meno consapevolezza. Siamo sicuri ad esempio che i componenti dei The Killers conoscano a menadito Simple Minds, Talking Heads e XTC tanto per dirne tre?

@dende
Ciao paisà, sicura sicura che si sia sempre ricicciato? Tanto per dirne una, gli Zeppelin che anche tu idolatri, al di là di qualche evidente fenomeno di plagio, seppero offire al pubblico una spettacolare e personalissima versione del rock-blues che, accelerato e indurito, divenne hard rock.
Tutti ricicciano ma c'è chi dal passato riesce a reinventare qualcosa di nuovo e chi invece ripropone e basta.

Sandro ha detto...

Acqua che non si aspetta, altro che benedetta…cantava il compianto Fabrizio De andrè….Anche qui a Firenze piove ininterrottamente da martedì scorso….
Ho smesso di ascoltare i Massive attack ed i portishead con la pioggia, seppure siano la colonna sonora ideale per guardare le gocce che frangono le luci fluo riflesse sul vetro della porta finestra quando fumo la mia sigaretta lontano dall'ufficio….
Ho ascoltato Bill Evans, a volte sembra abbia scritto certa musica pensando a città come questa, sotto una pioggia come questa, in momenti della giornata come questo.
Poi, ieri sera son tornato prima a casa per prendere mia figlia a scuola ed accompagnarla a ginnastica artistica e anche lei si sporcava facendo ciak ciak nelle pozzanghere... volevo sgridarla ma… anche io da bambino non aspettavo altro…uscivo, miravo una pozzanghera e facevo ciak ciak…
Tu mi chiederai... "ma che c'entra col post?"
C'entra, c'entra....

Anonimo ha detto...

..in effetti lo dicevo con tono canzonatorio..perché c'è sempre chi 'rompe' con la storia dei 'ricicciamenti'.. Io concordo con te!!
:-)
dende

majorTom ha detto...

@Sandro
singin' in the rain?

Valerio ha detto...

allora se dende scriveva ma non lo credeva, lo scrivo io che ci credo...

"nulla si crea nulla si distrugge tutto si riciccia" (C) Dende.

I killers fecere un album, il primo, quasi perfetto (detto da me che non amo quei suoni).
Col secondo per conquistare la loro america si son buttati su suoni rubati al boss e a non so ancora chi con un risultato deprimente. Non ho mai sopportato il secondo album.
Con questo ho letto che capita la cazzata, sono tornati ai suoni danzerecci del primo (incluso l'eyeliner e il glitter), con risultati probabilmente piu' scadenti. Perche' l'unico rischio del riciclare, e riciclare da se stessi.

Non dimenticate che sono di Las Vegas, il fake che diventa arte, qual miglior metafora?

Se li volete vedere ai bei tempi (fecero pure una cover ti Time dei Floyd) i Killers sono qui

fine pubblicita',
ciao
Vale

Anonimo ha detto...

Vale!..non ci tengo al copyright!..piuttosto sono più propensa al copyleft!
..per quanto riguarda i Killers..anche se li ascolto e non mi dispiacciono.. pure cor primo,secondo me (ma il parere mio vale quanto er due de briscola..) nun se sò inventati un fico secco..
Ciau
dende

zero in-coscienza ha detto...

Ma si possono fare commenti su questo blog che non abbiano necessariamente a che fare con i tecnicismi musicali? a me era venuta in mente una cosa, tipo: il cantante è uno stupido sbarbatello della serie fatti pastore della chiesa di finix.
Però se non si può fare, me ne vado eh...

majorTom ha detto...

Farfa, si possono fare i commenti che si vuole ovviamente.
Anzi, io parlo di cose musicali sperando di ampliare il discorso.
Do uno spunto, insomma.
Il look del cantante dei Killers a me pare costruito apposta per "acchiappare" le sbarbatelle della provincia americana.
Pulitino, appena appena arrozzato da un filo di barbetta e un filo di polvere sui camperos, bellino.
Niente di trasgressivo, così come la loro musica.

mrmontag ha detto...

Ma forse non bisogna per forza trasgredire quando si fa musica. Forse non tutti hanno quel compito. Forse qualcuno ti deve rassicurare, con una melodia che suona nota anche se è nuova, forse qualcuno ti deve far saltare. Forse. Forse cercano di rifare solo la musica che ascoltavano. Senza malizia. Forse sono solo una mia debolezza, a me piacciono.

Mr Montag

Anonimo ha detto...

ma non sono "gli" Scissor Sisters? :)

ciao!
bellissimo il tuo blog,mi sono messa a leggere qualche post che ho trovato esilarante e interessante allo stesso tempo.Mi sa che tornerò a farti visita!
Sui Killers non mi pronuncio,non mi piacciono molto ma non ho nemmeno una grande conoscenza in merito :)

Baci
Tati