lunedì 3 agosto 2009

Non c'è due senza tre.


(ok ok, il dibattito sulla new wave è impegnativo....dopotutto siamo in piena estate, magari lo riprenderemo a Settembre, chissà...tanto è argomento che capita spesso da queste parti)
(adesso vi propino qualcosa di più consono al periodo, un pezzettino di me in connubio come sempre con la musica che mi porto dentro, già apparso ai tempi di splinder ahimè sono proprio senza vergogna)






Tum tutututu tutum.
Tum tutututu tutum.
I can feel it coming in the air tonight, oh Lord….
Phil Collins, spregiudicato dopolavorista, ha appena iniziato la carriera solista che ne distruggerà l’immagine ma non il conto in banca. E io me ne sto qua con la moneta in mano indeciso tra il flipper e il Sorbello (variante toscana del Cremino).
Che afa.

(madre-figlio)
-Ma perché non andiamo più a Castiglione? Cazzo ci andiamo a fare a Vada?
-Perché così siamo più vicini alla zia e anche te, sempre a lamentarti.....non c’era il tuo amico di scuola che viene qua?
-Sì ma io a Castiglione c’ho gli amici, la banda, e tutto il resto…..-
-Insomma un posto vale l’altro, l’importante è fare un po’ di mare che lo iodio non ti fa venire la bronchite quest’inverno! E poi conoscerai sicuramente nuovi amici.....
In effetti.
E’ un paio di giorni che ci puntiamo.
Lei ha dei magnifici occhi azzurri. Che illuminano la notte di Vada. E anche il giorno se è per questo. E me li punta addosso con una certa continuità. Un non trascurabile fisico curvilineo completa la buona impressione che ho comunque di lei.
C’è un piccolo molo, per le barchette e i canotti randagi.
Appena arrivato in cima mi tuffo nel mare caldo e deserto delle due. Del pomeriggio.
Che classe. Sembro Klaus, penso.
Qualche bracciata lenta, un po’ loffia. No, così non va. Devo prendere l'iniziativa.
Decido di risalire.
Mentre mi isso sul moletto ho la conferma che lei è lì (da quanto?).

(young diamonddog-young girl from vadabeach)
-Ciao-
-Ciao- rispondo fingendo disinteresse.
-Come ti chiami?
-Stefano.
-Ah.
-E tu? - replico sentendomi in colpa per non averlo chiesto subito e per tirarmela un pò troppo
-Barbara.
Segue silenzio di almeno 5 minuti effettivi. Silenzio di parole, comunicazione a sguardi.
Di fronte, di lato, anche di nuca.
Poi decido di rompere il ghiaccio.
-C’è poco da dire, penso- esordisco con estrema sicurezza.
-Eh già - fa lei altrettanto decisa.
-Non preoccuparti, mi capita spesso – (sborone.....smettila) –ma con te è diverso.
-A me invece non è mai capitato di incontrare uno sguardo e sentirmi immediatamente di sua proprietà. (Tum. Colpito e affondato in un amen).
-Non preoccuparti ci si fa l'abitudine..... Maddai scherzo, anch’io sono imbarazzato come te.

L’emozione sale, il tasso di feromone al picco annuale, la voglia di stare con lei insopprimibile come l’afa di questa fantastica giornata.
-Ci vediamo stasera, allora- (concludo frettoloso la conversatio precox)
-Ok, qua davanti alle 9-
Bacetto.
Non mi sono mai presentato a quell’appuntamento. Torno a casa e mio padre si era fratturato un paio di vertebre cadendo dalla bici di mio fratello. Niente di insolito se non che mio fratello ha 12 anni e la bici è da cross. Tale padre, tale figlio pensai. La Barbara quindi non la vidi più, almeno per quell’estate.


(stesso posto, stesso periodo, un anno dopo......)
Strada facendo vedrai che non sei più da solo…….
Baglioneggiando a mezzagosto (giuro che il jukebox non l’avevo mandato io) con in mano una moneta indeciso tra il flipper e il Cremino (nel frattempo il bar aveva cambiato marca di gelati…..), la vedo.
E’ lei, la Barbara.
-Ciao, scusa per l’anno scorso-
-Ho saputo, non preoccuparti. Come sta tuo padre?-
-Niente, un sei mesi di ospedale e di gesso, poi è tornato più sano e rompiballe di prima-
-Ah-
-E tu, come stai?- proseguo aiutato dal Baglioni.
-Bene……-
-Senti adesso devo andare, ci sentiamo.- Concludo con un certo nervosismo.

Non era più la stessa cosa. Il “magic” se ne era andato chissà dove.
Forse Phil Collins era più intrigante di Baglioni.
O forse il moletto…..
O forse io non sono più quello dell’anno scorso.
Chissà perchè. Non ho mai capito perché.
Ma una certezza da allora non mi ha più lasciato. La pelle d’oca è merce rara. Bisogna assecondarla. Bisogna prenderle al volo, le situazioni. Afferrarle con decisione. Stringerle forte e viverle appieno subito subito.
Perché poi non ripassano mai uguali.

Halleluja!

11 commenti:

stanlaurel ha detto...

Ah, pelle d'oca sì.
Però non ti credevo capace di tutto questo.

Senti, ma tornando ai genesis, è un po' che volevo fare un discorsetto.

andy(gelatoallitaliana)candy ha detto...

Il Sorbello, certo.
Ma il Bonbabà, maggiore?
No dico: il Bonbabà.

majorTom alias Diamonddog ha detto...

@stan
Mai dire mai stan.
Ma dimmi, sui Genesis son tutto orecchie.
@andy
e il Piedone? dove lo mettiamo il Piedone (questo è un gioco di parole alla stan).

andy#cinicotv#candy ha detto...

Non per fare le pulci ... ma a che età 'sta tipa ha detto: A me invece non è mai capitato di incontrare uno sguardo e sentirmi immediatamente di sua proprietà.?
Non è che ti sei 'mbriacato di "molliconate" Harmony?

majorTom alias Diamonddog ha detto...

La tipa era something about 16, più o meno (da qui mi sovviene l'ennesima citazione, quel grandissimo cialtrone di Billy Idol).
Matura però per la sua età.
Mooooolto matura.

Anonimo ha detto...

Ho letto ocn piacere...

Jeger.

Anonimo ha detto...

...il tuo racconto mi ha fatto venire la pelle d'oca......
ahahahaha!!!! No, dai...scherzo!
bello e tenero, davvero, mi ha commosso!
Li vendevano i bomboloni a Vada?
soramarì

stanlaurel ha detto...

Niente il solito eterno vago discorso sui genesis. Per non dire alla fine poi niente, solo dar aria ai denti.

Ehm, sul piedone sono impreparato

Buona serata mT.
Stacco e chiudo

Stan

majorTom alias Diamonddog ha detto...

@jeger, benvenuto!
@marì, facevano dei bomboloni a vada che ti raccomando....
@stan, il Piedone è un mitico gelato dell'Algida a forma di piede con la pallina di chewinggum in mezzo!!!!

Anonimo ha detto...

CIAO SONO FABRIZIO BARILE .
TEMPO FA' AVEVO LASCIATO UN COMMENTO SU UN TUO ARTICOLO CHE PARLAVA DEI CLASH .
VOLEVO INFORMARTI CHE AD OTTOBRE IL 9-10-11 DALLE 14 ALLE 19 PRESSO I LOCALI DELLA BIBLIOTECA DE AMICIS ( PORTO ANTICO ) , HO ORGANIZZATO UNA MOSTRA DI DISCHI E MEMORABILIA PER IL TRENTENNALE DELLA PUBBLICAZIONE DI LONDON CALLING .
SE VIENI MI FARA' PIACERE CONOSCERTI.
SONIC REDUCER / BARILE FABRIZIO

majorTom alias Diamonddog ha detto...

Ehi Fabrizio, mi ricordo.
Spero di poter venire, anche se parlare di Ottobre sembra di parlare del 3012...
Ciao e grazie dell'invito!