giovedì 22 maggio 2008

Il mio vicino e un blues

Il mio vicino non so neanche come si chiama di nome (il cognome sì, c’è sul campanello).
Il mio vicino è solo, non se se è vedovo o separato.
Il mio vicino ci ha dei figli, ma non lo vengono a trovare quasi mai.
Il mio vicino è un vecchietto nella media, né simpatico né antipatico, mite come un agnellino.
Il mio vicino parla poco e a voce bassa. A volte in casa lo sento dal muro che parla da solo: per forza, è solo.
Il mio vicino una volta è venuta l’ambulanza poi il dottore poi i figli poi sono andati via tutti prima l’ambulanza poi il dottore poi i figli e lui è rimasto solo ancora una volta.
Il mio vicino esce sempre di casa alle 14, tutti i giorni (ma dove cazzo andrà che non lavora mica).

Ieri passavo ai giardinetti e ho visto il mio vicino seduto su una panchina, di spalle.
Seduta davanti a lui una deliziosa vecchietta coi capelli turchini.
Si guardavano con dolcezza e parlavano piano piano.
Io sono passato senza disturbare e dentro di me mi sono sentito meglio.

BELL BOTTOM BLUES, di Enrichetto con i Dominos, per il mio vicino.

Halleluja!

I don't want to fade away.
Give me one more day please.
I don't want to fade away.
In your heart I long to stay.

22 commenti:

liveon35mm.com ha detto...

Sara',
-
I miei vicini quelli a sinistra sono psicopatici in 7 anni li avro' incrociati per sbaglio 2 volte, evitano di uscire quando entriamo e usciamo noi, se capita abbassano la testa e non dicono nemmeno Hi.
La polizia e' venuta un paio di volte ma non so a fare che. Forse a capire se son vivi.
-
Quelli a destra invece sono una famiglia con 47 figli, tutti obesi e passano buona parte dei weekend a urlarsi dietro e sbattere porte.
Da quando e' nato un figlio a una delle 36 figlie adolescenti, si sentono meno urla e qualche simpatico vagito. Nulla piu'.
Qui la polizia e' di casa, credo chiamata da altri vicini per via delle urla.
-
Alla fin fine son tutti innocui incluso il cane oscar che abbaia ma nemmeno I gatti lo considerano.

Anonimo ha detto...

Che sorpresa! Anche Diamondog ha un cuore:)

Bel Post Diamond.

I miei vicini di destra sono parenti/rumorosi/alla meridionale,quelli di sinistra, invece, estranei con bambini altrettanto runorosi e che, per quanto li amo, ormai, sono diventati parenti (i bambini, intendo).

Diciamo che non corro il rischio di parlare mai da sola, anzi, a volte non ce la faccio proprio a reggerli tutti in una volta:)

Anonimaqui

denise ha detto...

...il mio vicino di casa al paesello è il mio amico Acid (e famiglia, naturalmente...)
siamo cresciuti insieme, ma lui è un po' più piccolo di me. Una volta, da bambini, mi ha fatto un occhio nero...

A Roma non ci sono vicini di casa...ma solo sconosciuti con i quali condividere il pianerottolo e l'ascensore...

Anonimo ha detto...

Denise,

E' triste che nelle città accada ciò; devo dire che in paese è molto diverso.

Non che i vicini di casa invadenti siano proprio una manna dal cielo, ma per chi abita da solo avere qualcuno a cui chiedere aiuto in un momento di bisogno è importante.

Il problema del " vicino di casa di Diamond è legato più forse alla mancanza affettiva dei figli.

Si può tollerare la solitudine se non si ha nessuno, ma avere dei figli ed essere lo stesso soli è triste e doloroso.

Mi pare appropriato un detto che usiamo dalle mie parti:

" un patri campa centu figghi.... centu figghi un campunu un patri"

Anonimaqui

Sandro ha detto...

Malinconico. Questo è un post malinconico. Ma vero... che covava dentro.
Qualcuno osserva ancora... qualcuno ascolta ancora...

Anonimo ha detto...

cos'è questa dolce malinconica?

hai guardato qualche vecchio album di famiglia?

hai contato le prime rughe?
i molticapelli bianchi?

o...

RP

Anonimo ha detto...

Ehm.. mi potevi avvertire che qui il commento si deve lasciare da anonimo altrimenti non te lo posta. Certo che una che si chiama Incognitus ci dovrebbe arrivare da sola, lo so...
Vabbé, mi ero solo sbizzarrita facendo il "cappottino" al mio vicinato, eheh!
Forse è meglio quando scrivo le mie paranoie su Bowie, sigh.

Ps. Ho visto David Lee Roth alato. I'm just a Gigoló non è un video, è un CAPOLAVORO! Ahahhahah!!!

andycandy ha detto...

Il mio vicino di sopra c'è mancato un pelo che morisse senza che lo sapesse nessuno. La mia vicina di fronte, invece, ha quattro cognomi sulla buca delle lettere ma ci abita da sola. Entrambi li osservo ogni tanto che si avviano al centro commerciale e mi sembra che si trascinino una stanchezza infinita.
Bel post.

majorTom ha detto...

grazie a tutti e un benvenuto a incognitus, che condivide quella roba lì.

JohnnySladge ha detto...

Ehy! Sei stato gentile! Spero non ti dispiaccia se ricambio la cortesia (link)!
Have a nice day!
--
Bel post... ed il blues c'entra, eccome se c'entra

Anonimo ha detto...

Incognitus è una (poco foxy) lady, man!
Grazie per il benvenuto e, beh, per quella roba li! Eheh.

Anonimo ha detto...

Ehm, ho cercato di descrivermi ma niente.. solo che só fessa mi é uscito fuori.
Vabbé, 'giorno gente.
Incognitus.

majorTom ha detto...

Ehi Incognitus.
Per adesso abbiamo capito due cose.
Che deliri per Daviddino.
Che sei una donna.
Per il momento non traspaiono lati negativi.

Sladge, figurati se mi offendo per un link...:-)

Anonimo ha detto...

mi sono sentita meglio anch'io....
Sibel

Anonimo ha detto...

Ottimo post, Major.

I miei vicini (ai lati dell'appartamento) tentano disperatamente di resistere al progressivo tranquillizzarsi di un quartiere che, da estrema periferia che era negli anni '80, sta dolcemente invechiando: ergo, litigano e si croccano di botte appena possibile, a ruoli alterni. Lui picchia lei, lei picchia lui, loro picchiano la madre, che li caccia fuori di casa. Poi c'è un Cane Misterioso, tipo il gatto di Poe, che non si capisce bene dove stia (forse murato da qualche parte) e nemmeno come sia fatto, solo che abbaia continuamente, disperatamente.

Non erano abituati a vedere qualcuno in giacca e cravatta, uscire la mattina. Me ne accorgo dagli sguardi allibiti quando li incontro. Devo aver rotto un equilibrio. Non riescono però a mettere in collegamento questa cosa con la musica che esce dalle finestre al sabato mattina (spesso Dark Star dei Grateful Dead, o Hank Williams). Avverto il loro disagio. Non è propriamente Ramazzotti.

Tramite amici comuni, il quartiere si informò, un paio di giorni dopo che mi ero trasferito, di quale fosse la mia macchina. Così, tanto per sapere...

Adoro i miei vicini, anche se loro non lo sanno.

Casey Jones

Anonimo ha detto...

io abito a bruxelles a rue de naples. no, non me la sono scelta.
ho solo un vicino, Luisa, anch'ella napoletana come me. e no, non mi sono scelto neanche lei.

al piano zero c'é invece un tipo strano e simpatico con ragazza. anche lui (come me) fa il dj.

quindi nel mio palazzo esiste una sola legge: musica a palla e chi ha l'impianto piú grosso vince!

Anonimo ha detto...

ero me, fedewaits

ladypazz ha detto...

Eh grande Diamond...
Io a destra c'ho l'Happy family' un' allegra famiglia composta da una madre padrona, il padre' grande pig' e le due figlie gemelle di Alice Cooper. A destra c'ho un'officina con una coppia di meccanici con la fissa dei Queen...nn hanno nessuna strafiga appesaal muro, vorrà dir qualcosa?
Liveon35mm vive a Londra per caso?

liveon35mm.com ha detto...

Cambridge Ladypazz,

con puntate frequenti a Londra, ma i vicini suddescritti sono cambridgiani puri nella loro anomala psicosi che disturba il Truman Show che questo paesotto e'.

majorTom ha detto...

Grazie anche alla braid, a casey (eilà!), fede e alla lady.
See you later alligators!

Anonimo ha detto...

Esatto!E aggiungo: la location è cosí sopravvalutata.
A volte basta fare affidamentp al proprio cervello e giá ci trovi una bella scala per il paradiso.
Incognitus

harvey ha detto...

non è che ti sentivi in colpa? perché, alla fine, pure io mi sento in colpa per quasi tutto. se per esempio sarà un'estate che piove sempre, potrebbe anche essere colpa mia. figurati se vedo un vecchietto solo.