venerdì 29 febbraio 2008

The Cure - Pictures Of You

Inizia una nuova rubrica con una delle mie 50 canzoni preferite di sempre.

Una melodia a denominazione d'origine, malinconica eppure speranzosa, con tutto lo spleen di cui Robert Smith è (era?) capace. Una canzone atipica, priva della canonica struttura intro-strofa-strofa-refrain-strofa-bridge-refrain-ecc., difficile da canticchiare sotto la doccia ma che ti prende alla gola ogni volta che ti arriva in radio a tradimento. Un meraviglioso testo curvato all'indietro come nella tradizione del gruppo.

Il passato che è il presente che è il ricordo del passato.


SIGNORI E SIGNORE.

KARAOKE TIME!


I've been looking so long
At these pictures of you
That I almost believe that they're real
I've been living so long
With my pictures of you
That I almost believe that the pictures
Are all I can feel

Remembering you
Standing quiet in the rain
As I ran to your heart to be near
And we kissed as the sky
Fell in holding you close
How I always held close in your fear
Remembering you
Running soft through the night
You were bigger
And brighter
And wider than snow
And screamed at the make-believe
Screamed at the sky
And you finally found all your courage
To let it all go

Remembering you
Fallen into my arms
Crying for the death of your heart
You were stone white
So delicate
Lost in the cold
You were always so lost in the dark
Remembering you
How you used to be slow drowned
You were angels
So much more than everything
Oh hold for the last time
Then slip away
Quietly open my eyes
But I never see anything

If only I'd thought of the right words
I could have held onto your heart
If only I'd thought of the right words
I wouldn't be breaking apart
All my pictures of you

Looking so long
At these pictures of you
But I never hold onto your heart
Looking so long
For the words to be true
But always just breaking apart
My pictures of you

There was nothing in the world
That I ever wanted more
Than to feel you deep in my heart
There was nothing in the world
That I ever wanted more
Than to never feel the breaking apart
All my pictures of you


(trad.)

ho cercato così a lungo
queste fotografie di te
che quasi credo che siano vere
ho vissuto così a lungo
con le mie fotografie di te
che quasi credo che le fotografie
siano tutto ciò che posso sentire

mi ricordo di te
impiedi silenziosa sotto la pioggia
mentre corro verso il tuo cuore per stare vicino
e ci baciammo mentre il cielo
scendeva tenendoti strettta
come io ho sempre tetuto stretta la tua paura
mi ricordo di te
che corri leggera nella notte
tu era più grande
e più luminosa
e più estesa della neve
e urlavi alle falsità
urlavi al cielo
e alla fine hai trovato tutto il tuo coraggio
per lasciare andare tutto

mi ricordo di te
caduta tra le mie braccia
che piangevi per la morte del tuo cuore
tu eri bianca come la pietra
così delicata
persa nel freddo
tu eri sempre così persa nell' oscurità
mi ricordo di te
come eri un volta lentamente affondata
tu eri angeli
così tanto di più di tutto quanto
Oh mi stringi per l'ultima volta
poi scivoli via
lentamente apro gli occhi
ma non vedo mai nulla

se solo avessi pensato alle parole giuste
avrei potuto trattenere il tuo cuore
se solo avessi pensato alle parole giuste
non starei facendo a pezzi
tutte le mie fotografie di te

ho cercato così a longo
queste fotografie di te
ma non ho mai trattenuto il tuo cuore
ho cercato così a lungo
di rendere reali le parole
ma sto sempre solo facendo a pezzi
le mie fotografie di te

non c'era niente al mondo
che io abbia mai voluto di più
di sentirti nel profondo del mio cuore
non c'era niente al mondo
che io abbia mai voluto di più
di non dover mai sentire lo spezzarsi di
tutte le mie foto di te

22 commenti:

killing an ... (fate voi) ha detto...

che è sta robbba sdolcinata?

nella mia storia del rock attraverso i “singoli” ho messo (mio malgrado...) qualche cosina delle Cure, in generi diversi (per quanto sempre “alternativi”), ma questa manco l’ho sfiorata…

N.B. le compi sono indipendenti tra loro (i brani presi in considerazione sono quasi 10.000), per cui alcuni pezzi possono comparire in più compilescion, se hanno caratteristiche che si attaglino a più generi “di confine”.


The CURE

°°° Arty British Punk / New Wave (è la compi di transizione tra punk e niuueve)
- Boys Don't Cry

°°° (New Wave) Goth Rock
- Killing an Arab
- Charlotte Sometimes

°°° (New Wave) Synth-Pop & Techno Pop
- Boys Don't Cry
- A Forest
- Let's Go to Bed
- The Lovecast
- Love Song

°°° Brit - Alternative Rock
- In Between Days
- Just Like Heaven


come la mettiamo?

liveon35mm ha detto...

Se scrivo che vidi I Cure a Roma al palaeur nel (credo) 1989 quando (credo) stavano portando in Tour proprio Disintegration, il loro album (sono convinto) piu' maturo anche se non il mio preferito, mi cominciate a dire che faccio show off e il fighetto.
Mi limito allora a dire che quel concerto di oltre 2 ore e mezza di musica, inclusi 3 bis di 20 minuti l'uno con A Forest a chiudere resta ancora saldamente tra I primi 5 concerti che ho visto e comincio a pensare che sara' sempre piu' difficile venga scalzato da qualcos'altro...

Come? L'ho scritto?

majorTom ha detto...

Io The Cure li ho visti nel tour di KISS ME KISS ME KISS ME.
1987? Boh, chissiricorda.
Il finalone con A Forest in olofonica con la tirata di chitarra (definrlo assolo non è corretto) che ti pioveva addosso da tutte le parti del palasport e dalle spalle è qualcosa di unico.
Entrai che ero un metallaro e uscii che ero un dark.
No, vabbè non così netto.
Però le mie diffidenze sui The Cure che giudicavo troppo da studio crollarono quel giorno al palasport di firenze (oggi mandelaforum) e divenni un fan accanito di Robetr Smith, uno dei geni musicali del ventennio di fine secolo.
Nella top five dei miei concerti, senza alcun dubbio.

PS Agnul, i tuoi tagli ritagli e frattaglie sui Cure fanno un pò sorridere. Ma magari Janine, ragazza di indubbio gusto, ne sa qualcosa più di me anche in questo caso...prova con lei.

fedewaits ha detto...

che te devo di, major: io picture of you, ai tempi d'oro riuscivo anche a cantarla tutta sotto la doccia. eravamo tutti, cioé tutto il mio gruppo, fan impazziti dei cure. li ho visti col tour di wish a roma, ma li ho rivisti con ancora piu piacere tre anni fa a bruxelels per la dark trilogy, tutto pornography, tutto disintegration e tutto bloddflowers, e perfino per bis i primi due di kissme, più di 4 ore.

strano concetto di fighetto, vale: se uno dice quello che ha veramente fatto, perché dovrebbe essere show off? é quando (magari, forse) lanci le tue dritte da persona "troppo giusta" e inserita, che forse puoi sembrar fighetto (sempre simpaticamente detto, eh)

denise ha detto...

mah...
a me i Cure non fanno impazzire, ma non li disprezzo!

majorTom ha detto...

ma te denny sei una rocchettara.....lo sappiamo.
E poi sei giovanissima, per i cure bisogna aver passato almeno i 35....altrimenti si è beccata solo la scia!

cirillino ci ha detto...

hey, oste musicalmente “fighetto”,

respingo immediatamente al mittente quel tuo “i tuoi tagli ritagli e frattaglie sui Cure”… detto così, con disprezzo!

e Fiona / Janine lasciala stare (vero è che in fatto di gusto la fanciulla ti “sbianca” alla stragrande…)

i sottogeneri rock sono alcune centinaia, lo sanno anche i picci…
per cui è normale che, se ricostruisci la storia del rock attraverso i singoli brani, tu debba fare alcune (tante...) centinaia di compilescion...

per cui (ad esempio, parlando di musica in cui ci stanno di casa le Cure)
ne farai una di BRIT PUNK e sottoclassificazioni, per un minimo di 3 cd (occhio: parlo di solo punk brit, senza proto-punk, né americani), suddivisi in:
- 1st Generation British Punk (i “soliti” nomi)
- 2nd Generation British Punk (gli altri sfigatelli minori)
- Arty British Punk / New Wave
(cioè i più o meno “spillati” d’origine art rock, che passano a volo d’uccello sul punk per diventare quasi subito niuueve, tra i quali qualche cosina delle Cure la devi mettere)

poi ne farai una di NEW WAVE (e la mia, solo brit, è di 12 cd), con le sottoclassificazioni
- Early British New Wave (2 cd)
- New Wave vera e propria, diciamo “niuueve pura”…, si fa per dire… (3 cd)
- (Brit) Reggae & Ska Revival (1 cd), che sempre niuueve era…
- New Romantics (2 cd)
- Goth Rock (1 cd), e alcuni brani dei Cure sono indubbiamente “gotici”
- Synth-Pop & Techno Pop (3 cd), e i Cure vanno principalmente qui.

se poi, per chiudere il cerchio dell’alternative tra la fine dei ’70 e i primi ‘90, fai una compi finale di
BRIT ALTERNATIVE ROCK (mettiamo, come nel mio caso, di 6 cd)
qualcosina dei Cure un po’ più morbido va pure qui.

certo, per fare sta roba occorre avere “qualche” ciddì…

ma qualche scarto lo si può sempre scaricare in rete… tanto poi lo si ascolta col piccì, e la differenza manco s’avvertirebbe…


in sintesi: la polverizzazione dei brani dei Cure è logica, se ricostruisci analiticamente la storia del pop...

liveon35mm ha detto...

"se ricostruisci analiticamente la storia del pop..."

CHE PALLE!

e se uno volesse solo sentire della buona Musica?

majorTom ha detto...

"tagli ritagli e frattaglie" era riferito non alla qualità della selezione ma all'esiguità del numero dei brani.
Che per un gruppo come i Cure sono veramente pochi.
A prescindere dalla raccolta in cui vanno inseriti.

cirillo ha detto...

forse sei ceko, oste "fighetto"...
sono 8 brani (un nono compare in due raccolte diverse)...
.
mica tanti di meno di quanti ne compaiano di dylan, stones, bitols...

SadEyedLady ha detto...
Questo commento è stato eliminato dall'autore.
Anonimo ha detto...

Diamond, sei andato a ripescare una delle mie canzoni del cuore. Ed anche la mia preferita dei Cure.
Domenica sera suonano a Milano (PalaSharp); non ho biglietto (tutto esaurito da tempo) ma ci provo lo stesso, mi faccio spennare da qualche
bagherino e via.
BlueseulB

Anonimo ha detto...

E in questo momento stanno suonando al palalottomatica a Roma e io sto tanto a rosicà!
BlueseulB

loopdimare ha detto...

tu eri più grande
e più luminosa
e più estesa della neve

tu eri
Luciana Turina,

Sandro ha detto...

Dall'archivio di Sandro:
Band: Cure
Compilation: Canzoni nell'armadio

offeso! ha detto...

Blues / Seulb,
una persona che sbava per andare ad ascoltare le Cure io la scancello dalla lista degli "amici"...

Visto che sabato prossimo il Davide Van de Sfroos non canterà al "Media World" del paisiello(farà solo intervista e cazzeggi vari), avevo preso i biglietti per il suo concerto del DatchForum di Assago di sabato 19 aprile...

Embé, alla luce di quanto sopra,
LI REGALO AL PRIMO CHE PASSA !!!
[tanto so che Photo Pyccius, Giònpil, Dormiinsepolto e gli altri "fighetti" non passeranno mai dalle mie bande...]

Ussiùr, non è che fossero grancosa sti biglietti... posto unico... senza possibilità di scelta... probabilmente non si può nemmeno accedere alle gradinate, si deve stare tutti in piedi, sul parterre... in "simil festa padana"...

Anonimo ha detto...

Infatti me l'aspettavo la scomunica...Comunque, Agnul, tanto tempo fa, quando facevo l'esame di ammissione, ti fornii la mia lista di canzoni del cuore (dalla quale filtrando è uscita fuori MY WAY, e a seguire gionarper..); ebbene, questa lista conteneva anche PICTURES OF YOU, ma evidentemente hai dimenticato, oppure hai pesato il resto e mi sono salvata :-)
Non mi avevi detto dei bijetti di Davide, andiamooooo
BlueseulB

Anonimo ha detto...

come già detto, sono "biglietti del tubo"...
ma solo quelli ci sono, in vendita... costano anche poco, in verità...

tra l'altro ho parlato a fondo (con il resp. di MediaWorld del paisiello) ed è il manager del Davide che non vuole che lui canti, lì da noi, l'8, ma faccia solo interviste, firmi autografi ecc....

perché non può trincerarsi dietro il divieto contrattuale di cantare altrove in prossimità dell'UNICA esibizione live stagionale (divieto che giustamente esiste)... a riscaldata si esibirebbe l'8 marzo, il concerto di Assago sarà il 19 aprile...
in mezzo, mi pare, ci saranno pure le elezioni, quindi una possibile sommossa da parte delle orde rosse bastonate e skurnakkiate...
una guerra civile, insomma...
e con una guerra civile che incombe, stai a fare lo spilorcio per tre-quattro canzoni elargite a un centinaio di bravi leghisti?

Sylvio Mycione s'è incazzato quando gli ho detto che non l'avrei portato da Media WEorld a sentir cantare il suo Davide!

ma siccome ci sono di mezzo altri problemi con il distributore discografico (la Venus, alla quale, nel 1991, negai... il mio fu-lavoro lo conosci...) è meglio abbozzare e lasciar perdere...

majorTom ha detto...

Cara bluesseulb anch'io sono senza tiket.
Se penso che lo scorso anno, per una serie di ragioni che non sto qui a rielencare, potevo entrare sempre e aggratis al Forum di Milano, mi mangio altro che il cappello.
Pensare che sono andato a vedere sciachira e giorgino michelino strafatto e l'ombra dei redotchilippeper non puede andar a visionar el cure...........AAARRRRRRGGGGGHHHHHHH.......

liveon35mm ha detto...

se te la sei persa...

DavidBowie 3za puntata,

the man who sold the world e hunky dory.
Non che mi trovi del tutto d'accordo ma...e' qui

http://thelineofbestfit.com/2008/02/29/a-year-with-bowie-part-3-february/

buonagiornata
vale

Anonimo ha detto...

....OMMIODDIOH! ;-D
l'ho cantata tutta!
djSib

Anonimo ha detto...

Ragazzi, The Cure sono The Cure. Ce n'è per tutti.
Ayeye