lunedì 13 aprile 2009

DAVID BOWIE AND ROBERT SMITH: QUICKSAND

Tratto da un concerto in cui si festeggiava il 50esimo compleanno del Duca, quindi nel 1997, trovate qua un "duetto" (parola che suona stonata, quasi uno sberleffo di fronte a cotanta grandezza compositiva ed esecutiva) al cui cospetto io posso solo inchinarmi ebbro di emozione e gratitudine.
QUICKSAND è un caposaldo di Hunky Dory (1971) che è un caposaldo dell'intera produzione bowiana.
Una ballata a crescere che aleggiando su lirismi poi recuperati anche da altri (a me Confortably Numb un pò me la ricorda, se non altro per l'atmosfera) sta là immarcescibile a dimostrare al mondo che il signorino in questione è in realtà un alieno capace di tutto.
Halleluja e buonanotte a tutti.

12 commenti:

henry ha detto...

bello, bello, bello!
volevo postare bowie che canta confortably numb in risposta, ma forse non è il caso...

majorTom alias Diamonddog ha detto...

posta posta zio....sto per inaugurare un filone di post che inabisserà definitivamente il saloon.
Bowie che canta canzoni di altri, altri che cantano canzoni di bowie, duetti di bowie con altri musicisti.
Visto il livello di collaborazionismo del nostro potrei andare avanti per mesi...

andrea sessarego ha detto...

Wonderful! Non è che c'è un dvd in giro con tutto il concerto, eh?

majorTom alias Diamonddog ha detto...

Seeee.....magari.
Se c'è davvero però dimmelo eh!
A proposito, benvenuto Andrea.

Henry ha detto...

il dvd no, però...
http://live-bootleg.blogspot.com/2007/01/david-bowie-50-dead-dogs-happy.html

Henry ha detto...

mi correggo...
http://www.velvetgoldmine.it/boots/bootleg.asp?id=592

majorTom alias Diamonddog ha detto...

grande zio!

andrea sessarego ha detto...

Grazie per il benvenuto e grazie a henry per le informazioni, il sito Velvet Goldmine l'ho girato poco finora. "Quicksand" è una delle mie canzoni preferite di David e "Hunky Dory" lo preferisco a "Ziggy Stardust". Ho sempre avuto in mente di fare una compilation con i pezzi meno conosciuti, e non mancherebbero "Quicksand", "The Bewlay Brothers", "After All", "Letter To Hermione", "Red Money", "In the Heat Of The Morning" e altre che ora mi sfuggono.

zero in-coscienza ha detto...

Rimango sempre basita di fronte a cotanta figaggine, ( e ovviamente non parlo del cicciobomba Roberth).
Ad gni modo, come si fa a diventare come lui?
Prendo lezioni di chitarra, mi tingo il capello di rossiccio e mi faccio rapire dagli alieni?

majorTom alias Diamonddog ha detto...

Per prima cosa dovresti provare a nascere a Brixton, vivere la Londra degli anni '60 e '70 quando là ferveva l'attività intellettuale ed artistica, andare a scuola da Lindsay Kemp, flitrare con Brian Eno......insomma un filotto di eventi irripetibile in ogni concetto conosciuto di spazio-tempo.
E comunque Daviddino sarebbe stato Daviddino anche se fosse nato a Kuala Lumpur o Windhoek nel 1200.

Strato2006 ha detto...

Ma dai non lo sapevo, questa me la devo ascoltare!

Strato2006 ha detto...

Bella bella bella. Semplicemente 2 assi, due personalità fortissime...