lunedì 15 ottobre 2007

Gary Numan - Micromusic - Are Friends Electric?

Sembra impossibile.
Eppure quest'uomo riempiva Wembley appena nel 1981, dopo tre album di grande successo ed una hit blockbuster come questa qua.
La versione che vi inoltro, parzialmente acustica e impreziosita da una intro minimale, pone Gary Numan esattamente al centro del triangolo equilatero che ha ai vertici David Bowie, Lou Reed e i Kraftwerk.
L'unico vero grande problema di Numan fu arrivare dopo.
Ma per un lustro buono ebbe modo di sfolgorare.
Cars, Complex, Down in the Park, We are glass e tante altre ma nessuna come questa.
In heavy rotation all'epoca sia nei posti gloriosi e stilosi come il Tenax sia nelle semplici cantine da cucco.
Un riff di moog eterno, incastonato tra chitarre sature ed una cadenzatissima sezione ritmica.
Su tutti la voce aliena di Gary Numan.
Ancora oggi conservo da qualche parte il 45 giri dell'epoca, e se per caso in radio parte il ........"ta-da!" non posso che farmi prendere da un briciolo di nostalgia.

18 commenti:

ge ha detto...

appena nel 1981.
il 1981 è una vita fa.
;)
ge

majorTom ha detto...

E' vero ge, adesso mi prende lo sconforto.....
E nella musica è ancora peggio.
Quest'uomo riempiva gli stadi, non ha durato molto a lungo ma non è neanche stato un one-shot, e adesso se lo ricordano in tre.....la velocità dell'oblìo è paurosamente aumentata.

majorTom ha detto...

Per far capire di più agli agnostici ecco ciò che realizzò nei 5 anni di massimo splendore.

ALBUM
(con Tubeway Army)
1978 Tubeway Army UK #14
1979 Replicas UK #1
(solo)
1979 The Pleasure Principle UK #1
1980 Telekon UK #1
1980 Living Ornaments '79-'80 UK #2 (live)
1981 Dance UK #3
1982 I, Assassin UK #8
1983 Warriors UK #12

Fu un pioniere del cosidetto electro-pop del quale resta uno dei picchi massimi. Ovviamente considerando i suoi punti di riferimento, anche troppo vistosi e ben poco mascherati.
Però copiava molto di più nel look e nell'impostazione che nelle composizioni.

chemifirmoaffà? ha detto...

il mercato inglese è asfittico come o peggio del nostro... non conta nulla...

quello che conta è quello americano, e lì le posizioni di sto niuman fanno ridere:

°°° Album
1979 Replicas Pop Albums 124
1980 Telekon Pop Albums 64
1980 The Pleasure Principle Pop Albums 16
1981 Dance Pop Albums 167

unico semi-successino
1980 Cars Pop Singles 9

ness'un altro suo brano HA MAI CHARTATO...

conclusione logica:
GARY NUMAN = 'NA CHIAVICA !!!

majorTom ha detto...

.....ma ce lo vedi col suo completino da androide a cantare davanti ai braccianti di salt lake city o ai cowboy di tucson?
E comunque torniamo lì....secondo te il 90% della musica prodotta non conta un tubazzo perchè non charta in USA.......

machemmifirmoaffà? ha detto...

in genere la musica di qualità charta, negli States...

anche se spesso è mischiata al ciarpame modaiolo...

però charta...

e per chartare in UK basta vendere qualche migliaio di copie,
mentre per chartare in USA se ne devono vendere centinaia di migliaia, o milioni (in certi periodi storici in cui la qualità era elevatissima e i capolavori uscivano quasi in contemporanea)

quindi ii confronto tra i due mercati non si pone...

anche il Davide Van De Sfroos chartò: vendette 51.000 copie di "...E Semm Partii"!

non scordiamoci che in UK è stata n.ro 3 perfino
SABRINA (SALERNO) (female vocalist from Italy)
- "Boys (Summertime Love), 1988

...
ah., in un primo tempo era entrata in classifica al n. 60...
poi uscì il video in cui, mentre usciva dalla piscina, le spuntava un capezzolo, e il singolo rientrò al n. 3...
si può immaginare quale fosse il suo mercato: tutti SEGAIOLI...
erano gli anni di Sammy Fox...

majorTom ha detto...

mi sembra di essere tornato indietro di un tre/quattro anni.....ti va bene che questa settimana sono entrati a Billboard il Boss, i Matchbox twenty e Annie Lennox.
Ma ti ricordo che in Ammmmmerica l'album di Paris Hilton (delle canzoni non delle foto) chartò al n.6.....bell'esempio che mi porti.

Mod ha detto...

Il periodo era davvero bello ma
Numan onestamente non mi ha mai detto nulla.
Mi piaceva un pochino Pleasure Principle perche'e' stato uno dei primissimi dischi del genere New Romantic ma nella composizione non mi ha mai colpito.

majorTom ha detto...

benvenuto mod, anche se numan ti piace poco poco

toni ha detto...

Che succede al blog di Assante
ti funziona ??

pogo ha detto...

Sire! C'è posta per te!
Si sollecita, con riverenza, risposta!

Anonimo ha detto...

Sentito il nuovo dei KULA SHAKER?
un saluto da NelmioMondo

ceciops.splinder.com

henry ha detto...

ma mediatrek è defunto? nessuno che mi sa dire qualcosa su quei due anziani dell'ultimo post?

majorTom ha detto...

@orfaniblogdiassante
e io che c'entro?

@neltuomondo
no, non l'ho sentito. bentornata!

loopdimare ha detto...

Gary mi è sempre sembrato un po' deboluccio.
quanto alla teoria del Sire, ha una sua validità generica (è chiaro che avere successo a Roccasecca non è come averlo a Roma) ma presenta due pecche:
1 - non sempre la roba buona va in classifica, anche in Usa (o se ci va sta molto sotto)
2 - tra un po' dovremo prendere Cina e India come riferimento...

majorTom ha detto...

Gary è un pò deboluccio se lo valuti alla luce delle sue fonti d'ispirazione.
E' chiaro che non potrà mai essere considerato innovativo come i Kraftwerk o artisticamente espressivo come Bowie.
E' un "descendant", non un seminale.
Ma mi pareva che ci credesse in quel che faceva e il suo electro-pop aveva anche un'anima.

Faceva il glaciale ma ai tempi dei New Romantic. Questo me lo rende interessante, pur con tutti i suoi limiti.

Henry ha detto...

mi ricordo male o aveva fatto anche una colonna sonora per un film, tipo nel nome del padre o qualcosa del genere? forse con bono (ai tempi ancora vox).
o è l'arterio che avanza...?

majorTom ha detto...

In 1991, Numan ventured into film-scoring by co-composing the music for The Unborn with Michael R. Smith (the score was later released as an instrumental album in 1995, Human).

Suppongo tu ti riferisca a questa faccenda....