lunedì 9 febbraio 2009

Queensryche - Silent Lucidity (Live 1991)

Ci son gruppi destinati a non essere capiti.
I QUEENSRYCHE all'inizio vennero inglobati nel calderone "Metal", anche per colpa loro. Look, musicalità e impostazione sonora di pezzi come "Queen of the reich" non lasciavano molti dubbi.
Vennero però appuntati sui taccuini grazie alle eccezionali doti canore di Geoff Tate (a mio avviso uno dei primi 5 cantanti di sempre nel campo dell'hard rock) ed alle non comuni capacità di scrittura dei brani che - oh cazzo- erano effettivamente un pò più complessi di quelli dei Motley Crue (senza nulla togliere alla simpatica combriccola di cialtroncelli pitturati losangelina).
Seguirono prove discografiche sempre più fuorvianti per il critico medio abituato ad incasellare tutto come un postino.
Qualche album trovò anche la via delle classifiche ("Empire" da cui è tratta questa stupenda ballata), la musica si avvicinò spesso ai territori del progressive, le trame sonore di Chris De Garmo si fecero sempre più avviluppate.
Insomma roba da palati se non proprio finissimi, almeno un pò vellutati.
In più un deciso orientamento anche politico di protesta a completare un panorama di una band che non si è distinta solo per cazzo-figa-birra e akuna matata.
Rage for Order, Operation Mindcrime, Empire sono album che andrebbero mooooolto rivalutati.
Ma sul serio.
Halleluja e fate i bravi.

15 commenti:

andy/candy ha detto...

Scusa ma fra questa "cosa" e gli Styx che differenza c'è? O dobbiamo rivalutare pure quelli?

valerio ha detto...

Ma questi sono ancora in giro.
Avevo un pass per fotografarli ma non ce so andato, ho fatto male?

Lo sai diamante che ho letto di un tour dei Judas Priest?

Ci credo che Spinal Tap stanno registrando nuova musica!

ciao andycandy...ti si trova deqqua' ormai.

augh

majorTom ha detto...

@AndyCandy.
Dietro la lavagna, fellone.
Gli Styx erano essenzialmente AOR con punte di melassa oltre il limite ed una notevole propensione per il cattivo gusto, a partire dall'abbigliamento (non tanto i fratelli Panozzo quanto il damerino Tommy Shaw) per finire con gli arrangiamenti.
Queensryche (per chi li conosce) sono stati una delle band più originali dell'intero panorama hard.
Fidati.
PS I letti a 3 piazze del Marriott sono una goduria.

@valerio
Judas Priest sono qua a Milano il 10 Marzo con i Megadeth e altri. Fanno una specie di Priest Fest o una cosa del genere.
Io vado.
Anche se sto in pensiero perchè non vorrei rovinare l'immagine che porto dentro di me.
Ma tanto (e così anticipo le vostre fighetto-battute) cosa volete che ci sia da rovinare??????
hahahahahaha

Anonimo ha detto...

..questi, come tantissimi altri, mi mancavano..
grazie Maggiore!
denise

mrmontag ha detto...

lo so che sto per spararla grossa, ma c'è qualcosa che mi ricorda i Pink Floyd nella maestosità di questo pezzo, soprattutto quando scocca più o meno il minuto e quindici, finisce l'introduzione voce e chitarra e succede praticamente tutto...poi più in là anche il coro, che ricorda certi passaggi su The Wall.
Detto questo, non conosco, ma a occhio non mi fanno impazzire

PF1 ha detto...

eh, ma qui mi inchino... un gruppo che in Italia non ha avuto il giusto riconoscimento e la giusta fama ma supportato da una voce eccezionale e da un chitarrista pazzesco (anche gli altri musici non sono delle schiappe). Bellissima la ballata che hai messo, così come l'intero album e quelli successivi (i precedenti non mi fanno invece impazzire) e non è del tutto sbagliato l'accostamento ai Pink FLoyd su alcune sonorità.

Hush now don't you cry...

andy-candy ha detto...

Hahaha ... ti bruciano gli Styx eh?
A parte gli scherzi ho provato varie volte a rivalutarli, soprattutto Operation Mindcrime che mi dicono essere il loro must, ma nun je la faccio proprio. Dovessi descrivere la loro roba direi innaturale, artificiosa etc etc.
PS Letto a 3 piazze? Ma che ti hanno pagato anche un servizio di escort?

majorTom ha detto...

@denny: lieto di esserti "utile"...
@montag: non per fare lo sborone, ma anch'io al coro ho notato la somiglianza con i Pink Floyd e quindi sono d'accordo con te. Per il "gradimento", i Queensryche sono molto poco immediati e necessitano di entrarci dentro come i gruppi della migliore tradizione prog. Anche se prog non sono.
@andy: suppongo, ricollegandomi a quanto detto a montag, che il loro non essere "nè carne nè pesce" crei delle difficoltà a chi li vuol capire.
Operation Mindcrime "dovrebbe" essere il loro must.
Io continuo a considerare "Empire" come una vetta del genere Hard in generale.
Che, all'epoca, fu riconosciuto in modo unanime da critica e pubblico (vendette oltre 3 milioni di copie..).

majorTom ha detto...

@nicco: vedo che siamo in sintonia...chris de garmo è sempre stato anche un mio pallino.

majorTom ha detto...

@andycandy: quando ho visto il letto a 3 piazze sono rimasto ad aspettare per vedere cosa succedeva. Magari c'era una sorpresa.......però niente.
Bastardi.

majorTom ha detto...

Ecco mi è venuto in mente.
I cori assomigliano a quelli di Confortably Numb.

andy_candy ha detto...

Provo ad entrare maggiormente nei dettagli e mi scuso sin d'ora per la lunghezza, con due esempi.
A fine ottanta, i Voivod dalle bordate di Macrosolutions To Megaproblem che già erano intimamente prog ma facevano un tale casino che nessuno si azzardava, passarono, pietra d'angolo una bellissima cover di Astronomy Domine, prima a una forma mutante di metal anche stilisticamente prog (ovviamente non si parla delle imbarazzanti pacchianate alla Dream Theater!) e poi alla versione riveduta e indurita dei conterranei Rush. Allegati, testi sci-fi non banali.
Nei primi novanta ci fu il caso dei Warrior Soul, col loro crossover capace di scontentare tutti: troppo heavy metal per essere alternative e troppo alternative per essere true metal. Allegati, testi non banali azzarderei di estrema sinistra per gli standard iuesei.
In entrambi i casi, a mio parere, l'osmosi diede origine a qualcosa di vivo (prescindendo dalle stellette). Qua a me sembra una sorta di raggelante barocchetto hard rock.
Salumi.
PS ... che sarebbe una premessa: non sono un "metallaro" e quindi la vedo probabilmente da tutta un'altra angolazione.

majorTom ha detto...

Esatto Andy.
Il punto di osservazione fa la differenza.
Guardata dall'interno della galassia metallica quella dei Queensryche appare una cometa brillante e atipica diretta non si sa dove.
Osservata invece dalla vicina nube gassosa di Orione (gassosa mi piace per indicare non la inconsistenza ma la tumultuosità di un panorama più "alternative") quella dei Queensryche appare una asfittica cometa metallica che tentava di uscire dalla sua galassia ma non vi riuscì.

countryfeedback.splinder.com ha detto...

Sottoscrivo ogni parola: una band maiuscola con un cantante della madonna!
PROMISED LAND e MINDCRIME sono dei capolavori che travalicano il genere senza troppi sforzi, EMPIRE una collezione di melodie perfette ed inappuntabili, RAGE FOR ORDER il disco "metal" (se cosi possiamo definirlo) più coraggioso degli anni 80.
Straordinari.

Anonimo ha detto...

Ciao a tutti.
Adoro i Queensryche.
Li ho visti 5 volte, compresa quella del Gods of Metal 2009.
Purtroppo, ancora non li conoscevo, mi sono perso il concerto del 1990 al Rolling Stones di Milano, ma ho il bootleg di quel concerto.
Li ho visti all'Alcatraz, a Milano, per il concerto di OM2.
Hanno fatto tutto Operation Mindcrie, Operation Mindcrime 2, e 4 bis.
Il concerto è durato circa tre ore.
Lo spettacolo nello spettacolo erano gli attori sul palco a far vivere i personaggi di Niki, Sister Mary, Dr. X, il tribunale, l'omicidio del Dr. X ecc.
Il tutto accompagnato dalla musica meravigliosa dei Ragazzacci!
Silent Lucidity è una bellissima ballata, ma ce ne sono altre molto belle di canzoni.
E' stato un crescendo di suoni fino ad Empire.
Queen of the Reich era Metal. In The Warning si sentivano un minimo di tastiere e di eletronica (nel Metal? da pazzi!)
In Rage for Order, è stata l'esplosione di elettronica (sempre più pazzi!) con brani come London e NM156 (Warning).
Con Operation Mindcrime, riconosciuto come uno dei 100 dischi migliori del panorama Heavy, la voce da tenore di Geoff Tate, fa un lavoro incredibile. Testi drammatici evidenziati dal tono della voce, una storia raccontata in musica come Tommy degli Who. testi che, se fossero usciti al tempo di Mac Arthur, li avrebbero tacciati di comunismo.
Sono certo che mi divertirò come un matto al Gods, anche per la presenza di Edguy, Heaven & Hell (i Sabbath con Dio), i Motley, ecc.
Saluti.