giovedì 14 maggio 2009

B-52's Private Idaho

Ecco io sono abbastanza convinto che se oggi uscisse un gruppo così spaccherebbe.
Dalla sterminata provincia americana negli anni post punk uscirono una sequela di band genericamente legate tra loro dal termine "new wave", parola che forse identificava uno stile abbastanza definito in Gran Bretagna ma non poteva farlo in un paese dalle tradizioni radicate e dalle distanza incolmabili come gli Stati Uniti. Come non risentire in questo celeberrimo pezzo (ma anche in Rock Lobster...) echi di chitarre twangy, sonorità anni '60 alla mamas and papas e tante altre belle cose. La band poi ebbe larghi successi in ambiti più danzerecci ma rimase (e lo è tutt'oggi ascoltare per credere l'ottimo Funplex) una splendida realtà isolata.
Un pò come i Pere Ubu.
Un pò come i Devo.
Un pò come i primi REM, anche loro di Athens come i B-52's.
Gente che appunto veniva dal "nulla" e che non assomigliava ad altri se non a sè stessi e che portava dentro echi del passato.
Cindy e Rick Wilson, Fred Schneider e Kate Pierson e Keith Strickland.
Allucinati, folli, sgargianti e colorati come la loro musica.
Halleluja!

16 commenti:

zero in-coscienza ha detto...

http://www.radicali.it/view.php?id=141627

Niente peyote, solo indignazione

andrea sessarego ha detto...

Sono uno dei miei gruppi preferiti in assoluto. Non so come mai non li ho ancora messi sul blog, è che è difficile scegliere, ci sono dei bei concerti su Youtube. "Funplex" è dignitoso, non è una porcata, non è un capolavoro, diciamo che non si può pretendere di più.
Keep dancin' this mess around!

pepporno ha detto...

Bel posticino che hai tirato su qui, diamonddog!

I B-52 erano grandi, non come i Depeche Mode che invece facevano... ci siamo capiti! ;-))

Anonimo ha detto...

ma perchè, perchè gli ottanta erano "grandi"? Forse lo so, ma non lo dico.

arc

porillo ha detto...

Halleluja, Major!
Sfondi l'ennesima porta aperta....
Sono un fan della prima ora dei B-52's, quando Private Idaho alle feste era il brano che toglieva ogni inibizione....
E ho continuato a seguirli con attenzione ad ogni album che usciva, anche i piu' bistrattati dalla critica, innamorato come sono della cantilena di Fred Schneider e soprattutto della voce di Kate Pierson...
Strobelight, Rock Lobster, Song for a future generation, Dance this Mess around, Dirty Back Road...che divertimento!
Una curiosita': sai quanti anni ha Kate Pierson? 61!!!
E cantare cosi' sembra faccia molto bene; vedere per credere....
http://bettypaginated.blogspot.com/2008/07/is-this-b-52s-kate-pierson.html

andy(notso)candy ha detto...

Ah ah ah Porillo ... your own private granny idaho!
Comunque, grandissima canzone.

majorTom alias Diamonddog ha detto...

@pepporno, grazie dei complimenti e benvenuto. Sui Depeche Mode però ti darò battaglia......
@arc, ora non puoi farci restare così, waiting for godot. Parla.
@porillo, ho un'idea, togliamo direttamente gli infissi che a forza di sfondare porte spendo più di falegname che di blog...
@andycandy: porco! (almeno MILF....ma proprio granny...)
@sessa: a volte sono stupito di trovare in ogni dove amanti di musiche che si pensano ormai perdute.....
@farfa. ti ho risposto di là, ma sei sempre la benvenuta almeno una donna a illuminare l'ambiente ci vuole..

andy(stavolta)candy ha detto...

... e io che c'entro EmmeT... Por(n)illo linka. Magari si stava sentendo a palla i ghanesi, ha ha ha!

Joyello ha detto...

Li ho visti dal vivo nel 1981 al Palalido a milano. GRANDISSIMI.
Mi è dispiaciuto molto quando morì Ricky.
Tra i primi ad essere portati via dall'AIDS.
:-(

Sandro ha detto...

Sentiti presto, conosciuti tardi e grazie ai Rem. Almeno, mi sembra di ricordare che la "parruccona" comparisse nel video di Shiny happy people. Che a ripensarci, poteva davvero essere un omaggio di Stipe ai compaesani...

Anonimo ha detto...

Sig. Maggiore,
più passano gli anni, più prendo coscienza di avere vissuto "in diretta" una stagione musicale meravigliosa ed irripetibile (fine '70-inizio '80)......gruppi come quelli che hai citato erano veramente unici ed innovativi, e tali sono rimasti ad un quarto di secolo di distanza....e a pensarci bene tutta la scena musicale di allora si caratterizzava per originalità e freschezza....ogni band, ogni artista aveva qualcosa di diverso da dire e da offrire.....mi fanno ridere quelli che oggi parlano di "anni ottanta da buttare" e poi si esaltano per una miriade di cloni degli Smiths, dei Joy Division, dei Depeche, dei Duran, degli Human League, e chi più ne ha più ne metta......
Hermitage

fran ha detto...

Tom, ti lascio da solo un secondo e già ti dimentichi che le donne quì sono almeno due... (ciao Farfa, sono contenta di avere compagnia e che siamo ben due ragazze ad amare questa musica!).
Comunque è sempre un piacere e una sorpresa leggere i tuoi post. Dove altro avrei potuto trovare gente che si ricorda dei B52?

Sandro ha detto...

L'egognometro sta registrando valori mai raggiunti prima.

majorTom alias Diamonddog ha detto...

Ehi Fran, quando non ti ho contato è perchè non avevi ancora commentato nel post....ma lo so che ci sei.. lo so e mi fa piacere.

majorTom alias Diamonddog ha detto...

@sandro: il goniometro?

Sandro ha detto...

Egognometro, egognometro; con la "e" iniziale e "gn" rafforzativo. E' quello strumento che misura l'Ego.
.
Stasera si va a Firenze. Siamo ospiti di Paolo (Passalidolta). Do you remember?
Buona Domenica.