lunedì 21 aprile 2008

Destra Sinistra

Era sempre molti passi avanti.
E non credo ci sia bisogno di aggiungere altro.
Ci manchi, Giorgio.
Oggi più che mai.

15 commenti:

denise ha detto...

"..non si sa se la fortuna sia di destra ma la sfiga è sempre di sinistra.."

PAROLE SANTE.

liveon35mm.com ha detto...

vedo che siamo in sintonia Diamante, io continuo inesorabilmente ad ascoltare Joe Strummer e Billy Bragg e mi appresto a postare il secondo, non avendo fatto in tempo a fotografare il primo.

post-terapeutici

ciao
Vale

denise ha detto...

..un cd di Gaber che conteneva questo pezzo lo avevamo "sottratto" (beh...diciamo "preso in prestito"...) allo zio di un mio amico...poi, come sempre, ce lo passavamo tra di noi...chissà se, alla fine, è tornato al legittimo proprietario...

andycandy ha detto...

Ciao a tutti.
Parteciperò al dibattito dicendo che oggi ho pranzato con due panini con la mortazza (come si chiama la mortadella qui nello stato pontificio). Non mi pare però di aver avuto delle rivelazioni.
PS Non fate l'onda!

cirillino gaberscick ha detto...

io non ho alcuna nostalgia del Gaber "teatrante", robetta per "perdenti"...
semmai ne ho di quello bravo "balladeer":
- Geneviève
- L'alfabeto del cielo
- Non arrossire
- La ballata del Cerutti
- Le strade di notte
- Trani a gogò
- Le nostre serate
- Porta Romana
- La libertà
- Il dilemma
- Quando sarò capace di amare

Anonimo ha detto...

Sì, internet si riceve ovunque... ma non se non hai terminali adatti o punti di accesso pur avendo i terminali adatti... :-D
E poi serve il tempo. Se uno alle 3 di notte deve ancora finire di scrivere per la mattina dopo, non è solo pigrizia il non scrivere sui vari blog per salutare gli amici (che comunque virtualmente si stanno tutti prendendo pause... vedi Henry, Ovi, Traspa...).
:-D

Pogo.

Anonimo ha detto...

Comunque ora sono in pausa totale... :-( Quindi avrò tempo anche di aggiornare il mio blog e partecipare più attivamente agli altri.

Sempre Pogo.

Un saluto a tutti.

Anonimo ha detto...

Null'altro si pu� aggiungere.

Concordo.

Anonimaqui

Anonimo ha detto...

Mai amato moltissimo ( a differenza di altri, Guccini ad esempio ), ma qualche canzone ha accompagnato insistentemente dei periodi in gioventu'... ma non erano canzoni d'amore.
s.

PS: che meraviglia! Valerio che ascolta BB!
Ho ricevuto la foto, grazie!

Anonimo ha detto...

sì, vabbé. Ma alla fine se non fosse per il fatto che la sua lungimiranza gli ha fatto dire cose prima di tanti, la sua è spesso demagogia. Splendida, semplice, sincera ma sempre demagogia. Non credo nemmeno che sia stato profondamente di sinistra. E cmq sarà una visione faziosa, e magari pure approssimativa, ma gli... ideali di sinistra assomigliano così tanto al buon senso ;) Peccato che sono così in pochi ad avercelo. Il buon senso. E che i "tanti" lacunosi di questa dote Gaberiana stiano tutti al governo (altro qualunquismo ;)
Sai che te dico? Oramai ci stanno loro. Faranno danni? Ci/gli sta bene. A tutti. Intanto avverto pubblicamente: il giorno che Bossi sale in cielo mi vesto da majorette.
E ora vo a insozzare a sfregio un vicolo trasteverino. Chemmefrega, tanto pulisce Alemanno.

Sibel

majorTom ha detto...

@braid
Gaber per me non era di sinistra, era semplicemente un uomo pensante e abbastanza giusto.
@denny
bello che una ragazza giovane come te sia a conoscenza di cose così....così tanto lontane
@valè
terapiamoci terapiamoci...
@andycandy
beato te, beato....
@cirillino
per te se uno ha le idee diverse dalle tue potrebbe essere un genio ma non lo ammetteresti mai. Tale e quale al tuo "padrone".
@pogo
a sprazzi, come sempre, e come sempre ti aspettiamo.
@s.
i tuoi (rari) interventi sono sempre interessanti. Ma lo so lo so che hai da fare, ogni tanto fatti viva però è un piacere sentirti
@gnegnè
giusto, c'p poco da commentare. Un post alla loop, quando ancora ne faceva.

Sandro ha detto...

A me manca De Andrè.
Condivido però il tuo pensiero.
Mio Padre lo ammirava, come persona e come artista.
Nel 1978 o '79, poco prima che lasciassimo Milano, mi portò con lui a vedere "Polli di allevamento" in Teatro.
Ricordo ancora, così come ascolto ancora quel disco e leggo ancora quei testi.
Sandro

majorTom ha detto...

Sai che anch'io l'ho visto a teatro con mio padre proprio in quello spettacolo?
Alla Pergola di Firenze.
E' uno degli one man show che ricordo di più assieme ad "A me gli occhi please" di Proietti.

andycandy ha detto...

Mi accorgo di aver pensato ad alta voce risultando inintelligibile. E'che da mooolto tempo su questi temi mi risuona in testa il "the horror ... the horror" di conradiana memoria in bilico su un nulla che si è inghiottito tutto. E reputo sconsolante (eufemismo!) che il buon senso sia diventato di sinistra come opportunamente chiosava Sibel. Non trovo parole migliori di queste, prese in prestito da Primo Levi: "Io pensavo ad un'altra morale ... che occorre diffidare del quasi uguale, del praticamente identico, del pressapoco, dell'oppure, di tutti i surrogati e di tutti i rappezzi. Le differenze possono essere piccole, ma portare a conseguenze radicalmente diverse ... il mestiere del chimico consiste in buona parte nel guardarsi da queste differenze ... Non solo il mestiere del chimico." Piccole differenze come una semplice lettera che distingue un paese laido da uno laico, ad esempio. Mi scuso per la lungaggine, ciao. Che madeleine Sandro, con quel "polli d'allevamento"!

Ladypazz ha detto...

sto provando pure io con blogspot
fuck splinder!